Due varesotti indagati a Palermo per la crisi del Palermo Calcio

Si tratta della segretaria gallaratese dell'ex-patron Maurizio Zamparini e di un consulente fiscale di Cardano al Campo. Per loro l'accusa di concorso in falso in bilancio e false comunicazioni

zamparini

Nel processo che si svolgerà a Palermo all’ex-patron del Palermo Maurizio Zamparini, accusato di falso in bilancio e false comunicazioni nella vicenda della vendita del Palermo Calcio, potrebbero finire anche alcuni professionisti del varesotto. È noto, infatti, che l’imprenditore friulano viva da molti anni in provincia di Varese dove ha avuto, in passato e ancora oggi, molti interessi economici.

Nella vicenda che lo vede sotto indagine sono finiti anche la gallaratese Alessandra Bonometti, 55 anni, segretaria del gruppo imprenditoriale che fa capo a Zamparini; il commercialista Anastasio Morosi, 79enne di Cardano al Campo; Enzo Caimi, di 77, originario di Arluno.

Ad Anastasio Morosi sarebbe contestata la posizione di consulente di fiducia di Zamparini al quale avrebbe fatto relazioni e dato suggerimenti sulle azioni da svolgere; la Bonometti fu procuratore speciale nell’operazione che portò alla cessione del marchio a Mepal. Entrambi sono difesi dall’avvocato bustocco Cesare Cicorella. Per loro si sono chiuse le indagini, condotte dal procuratore di Palermo Francesco Lo Voi e dall’aggiunto Salvatore De Luca, e si attende la fissazione dell’udienza preliminare.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 17 aprile 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore