Maltempo, situazione in miglioramento in Lombardia

La Sala operativa regionale ha seguito e segue costantemente l'evoluzione dei fenomeni, in stretto contatto con i Comandi Provinciali dei Vigili del fuoco

Natura maltempo spettacolo (foto di Franco Aresi)

Dopo i forti temporali della notte sulla bassa pianura occidentale (in particolare nelle province di Pavia e Lodi) e sul territorio delle province di Bergamo e Brescia, la situazione meteo in Lombardia è in netto miglioramento e vede solo deboli precipitazioni sulla zona del Lago Maggiore e Valle Spluga. La Sala operativa regionale ha seguito e segue costantemente l’evoluzione dei fenomeni, in stretto contatto con i Comandi Provinciali dei Vigili del fuoco e la Sala operativa del Comune di Milano, e monitora costantemente la situazione e l’evoluzione dei fenomeni in atto” (immagine di repertorio).

GRAZIE A OPERE PREVENZIONE REGIONE CONTROLLATE CRITICITA‘ – Lo dichiara, in una nota diffusa nel primo pomeriggio, l’assessore regionale al Territorio e Protezione civile Pietro Foroni, che spiega come “anche grazie alle numerose opere di prevenzione messe in campo da Regione Lombardia negli ultimi anni, molte criticita’ sono state mantenute sotto controllo e non sono sfociate in situazione di vera e propria emergenza”.

«Un ringraziamento – ha aggiunto Foroni – va come sempre a tutti i volontari della Protezione civile, che sono prontamente intervenuti in numero cospicuo, agli instancabili Vigili del fuoco impegnati in migliaia di interventi in tutta la regione, alle Prefetture, alle Forze dell’ordine e a Enel per la pronta attenzione per il ripristino delle fornitura di corrente elettrica».

LA SITUAZIONE – Le precipitazioni cumulate nelle ultime 24 ore hanno superato i 120 mm di pioggia nelle province di Lodi, Pavia e Sondrio e si sono attestate tra i 90 e i 100 mm nelle province di Como, Bergamo e Milano. Le precipitazioni sono state inoltre accompagnate da forte vento in tutta la Regione, con locali fenomeni di particolare intensità. I livelli dei corsi d’acqua principali si mantengono al di sotto delle rispettive soglie di criticità. Il livello del Lago Maggiore e’ in crescita, i livelli hanno superato la quota di massima regolazione.

SEGNALAZIONI SALA OPERATIVA – Di seguito le segnalazioni dalla Sala Operativa della Protezione civile, divise per province.

Provincia di BERGAMO
– Casnigo: caduta massi sulla Strada Provinciale 671: liberata sede stradale, effettuato sopralluogo dal geologo per valutare
le condizioni della parete rocciosa;
– Ardesio: caduta di un masso su strada comunale in localita’ Ronchi Alti, 3 persone residenti nella localita’ isolate,
comunque raggiungibili dai mezzi di soccorso.

Provincia di COMO
– Caslino d’Erba e a Erba: ripristinato il servizio elettrico alle circa 600 utenze interessate dal distaccamento nella
giornata di ieri.

Provincia di LECCO
– Bellano: permane la chiusura della Strada Provinciale 72 in corrispondenza della galleria in localita’ Tre Madonne a causa di una caduta massi all’interno della galleria stessa.

Provincia di LODI
– Villanova del Sillaro e Comuni limitrofi: esondazione del Cavo Sillaro e allagamenti diffusi nella parte nord della Provincia.
Attivato volontariato in sostegno dei Vigili del Fuoco. Allagata inoltre la stazione ferroviaria di Lodi ed il limitrofo sottopasso. La Provincia comunica che si sta attivando per la ricerca di volontari per operare in mattinata sui Comuni
interessati dagli allagamenti.

Provincia di MILANO
– Ripristinata la linea ferroviaria Milano-Genova alle ore 5.50 con una riduzione di velocita’ nei pressi di Arquata Scrivia
(Alessandria)

Provincia di PAVIA
– Una perturbazione temporalesca ha attraversato la provincia meridionale da Rivanazzano a Belgioioso nel tardo pomeriggio e nella prima serata di ieri. Sono stati segnalati numerosi interventi da parte di Vigili del Fuoco e volontari per
problematiche legate soprattutto ad allagamenti e a cadute di alberi a Casteggio, Rivanazzano, Albuzzano, Inverno Monteleone, Bastida Pancarana, Cava Manara, Mornico Losana. Allagata la Tangenziale di Voghera-Casteggio e la Strada Provinciale 1. La Provincia ha comunicato che sono in atto le attivita’ da parte del volontariato per il ripristino delle situazioni critiche.

Provincia di SONDRIO
– Villa di Chiavenna: caduta massi in localita’ Case Foratti, nessuna strada chiusa o edificio evacuato;
– Strada Statale 38 dello Stelvio: permane la chiusura per frana dal km 106,5 al km 121,5; possibile riapertura in giornata dopo le verifiche da parte dei tecnici;
– Delebio: caduta massi su strada secondaria, ma senza provocare danni a cose o persone;
– San Giacomo Filippo, localita’ Olmo: in conseguenza di una frana, chiusa una strada comunale poi riaperta in seguito ai
lavori di ripulitura.

Allerte in corso/emesse:

– Avviso di criticita’ rischio Idrometeo numero 167 del 21/10 valido fino alle ore 12 di oggi;
– Frana di Gera Lario: Torrente San Vincenzo (Gera Lario/Co) – Superamento soglia geotecnica di ‘Moderata criticita” (Studio modellazione 2018);
– Diga di Pagnona (Lc): revocata la fase di preallerta per rischio diga e la fase di allerta per rischio idraulico a valle.
– Frana del Ruinon (Valfurva/So): superamento di Soglia Radar di moderata criticita’ (scenario 2). Permane superamento di soglia Radar di elevata criticita’ (Scenario 1A).

Prossimi aggiornamenti nel pomeriggio di oggi, martedì 22 ottobre, salvo comunicazioni urgenti.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 ottobre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore