Quantcast

I banchi se ne vanno, il mercato “al completo” non riparte

Protesta dei venditori dei generi vari che lamentano mancanza di sicurezza e disorganizzazione nella nuova area di via Lombardia. Favaron: "Il mercato in centro non è fattibile"

mercato sesto

Il mercato “al completo” del mercoledì dovrà aspettare a seguito dell’accesa protesta dei commercianti dei generi non alimentari a Sesto Calende. I venditori, arrivati sul posto questa mattina, hanno deciso di non allestire i banchi lamentando mancanza di sicurezza e disorganizzazione e per questo motivo hanno abbandonato la zona dopo una discussione con il vicesindaco Edoardo Favaron.

I malumori erano stati manifestati già nelle ore precedenti alla notizia dello spostamento dell’area del mercato dal lungofiume agli spazi di via Lombardia. Una soluzione, già utilizzata la scorsa settimana per il mercato dei prodotti alimentari e pensata dall’amministrazione proprio per gestire questa particolare situazione di post emergenza. Una scelta dovuta anche alla concessione di nuovi e più ampi spazi ai locali del centro nelle vie solitamente occupate dal mercato.

Dispiaciuto per l’accaduto il vicesindaco Edoardo Favaron: “Una protesta dai toni fuori controllo – ha spiegato -. Dobbiamo fare i conti con le misure di sicurezza e il mercato nel centro cittadino non è possibile. L’unica soluzione che possiamo offrire, per garantire un accesso controllato e sicuro è questa e come dimostrato la scorsa settimana può funzionare”.

Favaron fa sapere che da parte dell’amministrazione c’è la massima disponibilità a collaborare ma sulla location del mercato le alternative non ci sono: “Incontrerò al più presto i rappresentanti dei commercianti per cercare di trovare una soluzione”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 maggio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore