I titolari de “La Bottega” del Gaggiolo “solidarietà dei clienti, bene le indagini“

L’autolavaggio storico di via Monte Generoso è aperto da 40 anni e molto conosciuto

Avarie

«Ci hanno chiamati subito e subito abbiamo visto il disastro. Poi le indagini sono immediatamente partite e i carabinieri hanno acquisito le immagini della video sorveglianza».

C’è un buco nel muro perimetrale de “La Bottega“, il bar con autolavaggio di via Monte Generso a castello domenica scorsa teatro di un’esplosione che poteva finire anche peggio, oltre all’incendio al magazzino dove vengono ricoverati gli attrezzi e i prodotti per pulire le auto.

L’autolavaggio è presente da una quarantina d’anni mentre il bar è stato aperto a condizione famigliare da circa 5 anni.

A raccontare come sono andate le cose è Cristian, uno dei titolari.

«Siamo arrivato sul posto domenica pomeriggio, che è giorno di chiusura. Spera un grande caos, un viavai di vigili del fuoco e il gazebo esterno all’autolavaggio era completamente distrutto».

I titolari de La Bottega non si danno per vinti, sostenuti anche dalle tante chiamate arrivate al bar.

«In questi giorni sono state diverse le chiamate al telefono, i passaggi dei clienti per sapere se andava tutto bene», spiega Cristian, che preferisce non commentare altrimenti dopo il fermo di un ex dipendente dell’autolavaggio: «La giustizia faccia il suo corso».

 

 

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore