Verdi ecologisti Busto Arsizio contro il Piano Marshall post Covid in Lombardia

Verdi ecologisti Busto Arsizio e comuni vicini si esprimono sul piano Marshall post Covid: "Come aggirare equità e rispetto dell'ambiente"

Generico 2018

Riceviamo e pubblichiamo la nota dei Verdi Ecologisti di Busto Arsizio sul  Piano Marshall per le Infrastrutture.

In Regione Lombardia in generale, ed in Provincia di Varese in particolare, molte sono le opere programmate nel cosiddetto Piano Marshall per le Infrastrutture, deliberato dalla giunta regionale Fontana, finanziato (per la nostra provincia ben 30 milioni di Euro), programmato e pianificato. È dovuta all’emergenza Covid19 l’aumentata capacità di spesa, sostenuta con fondi derivanti dalla vituperata Unione Europea, disprezzata da sovranisti e nazionalisti. Pecunia non olet, sostenevano duemila anni fa e ancora il detto è preso alla lettera dai nostri governanti lombardi.
Il denaro non puzza, specialmente se domiciliato in qualche banca della vicina confederazione elvetica, come quello del presidente varesino Fontana, con più di cinque milioni traslocati al riparo delle tasse nazionali, regionali, comunali.
Appena la morsa del virus ha abbandonato il campo della gestione del bene pubblico, la salute in primis, sono ritornati gli Attila nostrani a guida leghista. Si è riaperta la caccia ai lavori inutili, alle asfaltature della più florida campagna del mondo: rotonde, superstrade, autostrade, varianti e ogni altra opera pro-automobilistica di distruzione del suolo e della salute collettiva. Certamente uno deitemi più cari agli ambientalisti, le infrastrutture sono opere di solito ad elevatissimo impatto ambientale. Con le infrastrutture, purtroppo, si radono al suolo boschi, si cambia radicalmente l’aspetto del territorio, si perdono i riferimenti, non solo quelli paesaggistici. Ovviamente non mancano le rotatorie: la più importante quella del museo motoristico Volandia, a Case Nuove di Somma Lombardo; non sazia della rotonda, con mezzo milione di euro vuole occupare il vicino bosco, in parte
abbattendolo per duecento metri di nuova assurda inutile strada. Tutto questo in assenza di valutazioni ambientali, quali la VIA e la VAS. Tutto sotto il segno dell’urgenza, della ricrescita economica, della mancanza di alternative. Tutte balle spaziali.

A questo si somma la mancanza di programmazione nella cura e nel recupero delle passate e trascurate forme di vita sociale, culturale, lavorativa e storica. Brillano l’assenza di coordinamento e quella di prospettive: queste mancano perché i soldi vengono elargiti alle amministrazioni amiche, per generare clientele utili alle prossime elezioni comunali. Questo ritornello abituale della “bassa” politica ci vede in grande disaccordo con i partiti tradizionali. Noi Verdi del sud della provincia supporteremo tutti i candidati nei consigli comunali ed i sindaci con i quali stabiliremo una visione comune e il rispetto di alcuni paletti inderogabili, quali la fine del consumo di suolo, la partecipazione popolare alle opere pubbliche, l’avvio di un sistema economico sostenibile e lungimirante, la riduzione dei consumi di energie fossili e quella delle emissioni climalteranti, cultura del territorio e recupero di aree e di fabbricati dismessi, rinaturalizzazione dei siti abbandonati e bonifiche di quelli inquinati. Bicicletta e condivisione delle automobili; energie rinnovabili e meno impattanti; ferrovie e rete di trasporto pubblico locale; istruzione ed educazione delle nuove generazioni; approccio sistemico per la prevenzione delle malattie e riorganizzazione della sanità su base territoriale; agricoltura di qualità e
tutela della biodiversità.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 12 Agosto 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.