Servizio mensa per i dipendenti del Comune di Busto Arsizio, opportunità per i ristoratori

L'amministrazione ha deciso di avviare convenzioni con i ristoranti della città per dare respiro alle attività bloccate dalla normativa anti-contagio

Bambini assaggiatori alla mensa di Varese

La Giunta ha approvato oggi uno schema di convenzione che permetterà a bar e ristoranti di fornire il servizio mensa ai dipendenti comunali. Le disposizioni in materia di contenimento dell’emergenza consentono infatti ai pubblici esercizi di effettuare l’attività di mensa nel caso instaurino un rapporto contrattuale con un’azienda, in questo caso un ente, ai fini dell’erogazione del servizio in favore dei dipendenti.

Nei giorni scorsi la Regione Lombardia, richiamando una Circolare del Ministero dell’Interno, ha chiarito inoltre che il servizio mensa da parte degli esercizi già deputati allo svolgimento di attività di somministrazione può essere svolto, per tutto il periodo dell’ emergenza sanitaria, semplicemente a seguito di una preventiva comunicazione al Comune e senza necessità di integrazione dei codici Ateco.

«Con il passaggio della Lombardia in zona arancione bar e ristoranti restano chiusi e sono consentiti soltanto l’asporto e la consegna a domicilio – osserva l’assessore al Bilancio Paola Magugliani –. Proprio a causa della chiusura delle attività, in questi mesi i dipendenti hanno avuto qualche difficoltà nella fruizione dei pasti in pausa pranzo: insieme all’assessore al Personale Gigi Farioli, ho quindi pensato di facilitarli proponendo ai bar e ai ristoranti di convenzionarsi con l’Amministrazione e di prevedere che i dipendenti paghino utilizzando i buoni pasto, che è la modalità con cui l’Amministrazione garantisce il servizio mensa per il personale».

«L’iniziativa da un lato ha lo scopo di offrire un’opportunità ai nostri dipendenti, in questi mesi costretti a mangiare all’aperto, in macchina o in ufficio, dall’altro offre un’occasione agli esercenti – aggiunge Gigi Farioli – . L’ottica è quella di garantire la dignità ai lavoratori, tutelandone come sempre la sicurezza, e nel contempo di sostenere le attività economiche che più sono state colpite dalle restrizioni, sperando che sia da esempio per altre realtà».

«Posto che per il riconoscimento del ‘servizio mensa’ ai pubblici esercizi ci siamo interessati e attivati direttamente con gli Enti preposti – afferma la vicesindaco e assessore allo Sviluppo del territorio Manuela Maffioli -, con questa azione, che favorisce un incontro tra domanda e offerta, contiamo di supportarli ulteriormente, aiutandoli a capitalizzare questa opportunità, in un momento per loro difficilissimo».

I pubblici esercizi interessati a sottoscrivere la convenzione possono inviare una comunicazione all’Ufficio Economato (economato@comune.bustoarsizio.va.it; tel, 0331 390204). I singoli ristoratori dovranno aderire alla Convenzione Consip per l’utilizzo dei buoni pasto cartacei in dotazione dei dipendenti comunali (attualmente Convenzione Consip “Buoni Pasto 8” – Lotto 1 – Regione Lombardia di cui risulta aggiudicataria la Società Day Ristoservice Spa).

Orlando Mastrillo
orlando.mastrillo@varesenews.it

Un cittadino bene informato vive meglio nella propria comunità. La buona informazione ha un valore. Se pensi che VareseNews faccia una buona informazione, sostienici!

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 12 Aprile 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.