Avevo regolare prenotazione ma non sono stato vaccinato, perchè?

C'è confusione tra quanti hanno diritto a essere vaccinati come care giver. Il sistema di prenotazione non seleziona con precisione gli aventi diritto che devono sempre esibire i documenti dimostrativi

Diario di una vaccinazione alla Schiranna

Perchè non siamo stati vaccinati nonostante il regolare appuntamento fissato? È quanto chiede una lettrice che chiede chiarimenti su quelli che lei definisce “disguidi” all’hub vaccinale della Schiranna

Buonasera,

due righe per segnalare, in modo che ATS possa chiarire, i motivi del cambio di politica dei caregiver, da tempo prenotati, di persone con disabilità accertata L104 art. 3 comma 3.

Nella giornata odierna a due persone direttamente conosciute (e almeno ad una terza che ha avuto lo stesso disguido) è stato IMPEDITO di effettuare la vaccinazione, REGOLARMENTE PRENOTATA COME CAREGIVER ADDITANDO A MOTIVAZIONE CHE TALE POSSIBILITA’ ESISTE SOLO PER I CONVIVENTI.

Ne deriva che mio cognato, che dedica due o tre pomeriggi alla settimana a mio fratello down o mia sorella che dedica oltre due ore al giorno alla mamma con alzheimer, entrambi con legge e comma succitati è stato impedito di fare il vaccino da caregiver.

Riporto testualmente da vaccinazioni anti covid – asstsettelaghi (asst-settelaghi.it)  “Chi è in possesso di un verbale di accertamento dello stato di handicap e gravità ai sensi dell’art.3 comma 3 della legge 104 potrà prenotare la vaccinazione anti Covid-19 sulla piattaforma online dedicata per sé e per i propri caregiver/conviventi (possibilità di indicare massimo 3 persone tra caregiver e conviventi). ”

Dobbiamo forse spiegare al personale in accoglienza che i caregiver possono non essere conviventi, come è stato fino a ieri (provare la condizione di caregiver per credere) , oppure siamo di fronte ad una nuova disposizione? La giovane signorina all’accettazione ha parlato di “una falla nel sistema”, ora non sapendo bene a cosa si riferisse, forse sarebbe il caso di riparare la falla, magari formando gli addetti sulle differenze o informando la popolazione che la prenotazione viene accettata dal sistema ma poi te la giochi sul momento.

Quindi una nipote che regolarmente va a trovare la nonna disabile 104 art 3 comma 3, che abita al piano di sopra, che gli fa compagnia nelle due ore di assenza della badante non è un caregiver perché non è convivente?

Una figlia che tre volte alla settimana fa la doccia alla madre disabile 104 art 3 comma 3 e ogni giorno passa almeno un’ora con lei non è un caregiver perché non è convivente?

Tutte situazioni già presentate e già vaccinate, ma oggi è andata così. Credete, nessuno si inventa la carica di caregiver per il vaccino, non quando uno o due disabili in famiglia li hai per davvero.

Scusate lo sfogo, ma ho trovato questo episodio una vergogna in un sistema che sta funzionando perfettamente.

Dall’Asst Sette Laghi ribadiscono che le direttive in materia sono ben precise, legate ai conviventi che possono registrarsi sul portale o accedere direttamente ma solo in 4 particolari condizioni mentre chi è vulnerabile o disabile ( ex legge 104 art. 3 comma 3) può veder riconoscere fino a tre persone, i famigliari e il care giver collegato alla disabilità ex legge 104, articolo 3 comma 3 ( il nome del care giver è indicato nella documentazione della disabilità) o chi assiste in modo continuativo la persona, anche in base ad un contratto.

(La figura del caregiver nell’ordinamento italiano)

Caregiver e familiari conviventi

I familiari conviventi delle persone fragili, limitatamente a coloro che hanno una delle patologie contrassegnate dall’asterisco nelle indicazioni ministeriali (clicca qui per il dettaglio)  possono registrarsi sul portale di Poste Italiane per manifestare l’intenzione a ricevere la vaccinazione.

Sarà possibile indicare fino a 3 persone, che dovranno presentarsi al Centro vaccinale muniti di apposita autocertificazione

In ogni caso, al momento dell’accesso al punto vaccinale, famigliari e care giver devono poter dimostrare di essere in possesso dei requisiti previsti ( è necessario avere la documentazione collegata). Oltre alla documentazione è necessaria l’autocertificazione compilata. 

Il sistema di prenotazione regionale non distingue tra le diverse disabilità e accetta anche care giver di persone che hanno certificazioni differenti da quelle indicate nell’art. 3  comma 3.

Alessandra Toni
alessandra.toni@varesenews.it

Sono una redattrice anziana, protagonista della grande crescita di questa testata. La nostra forza sono i lettori a cui chiediamo un patto di alleanza per continuare a crescere insieme.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 14 Maggio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.