Duplice omicidio di Samarate, Maja risponde al Gip:”Ero ossessionato da problemi economici”

Una “fobia per i debiti" avrebbe spinto l'uomo a compiere la strage famigliare lo scorso 4 maggio a Samarate

Samarate omicidio

Alessandro Maja, l’uomo accusato di aver ucciso la moglie Stefania Pivetta e la figlia Giulia a Samarate è stato ascoltato questa mattina venerdì dal giudice per le indagini preliminari di Busto Arsizio Piera Bossi che lo ha interrogato all’ospedale di Monza dove è tuttora ricoverato al reparto di psichiatria.

Maja è stato vago sul fatti specifici avvenuti nella villetta di via Torino a Samarate la notte del 4 maggio, ma avrebbe raccontato il movente: una sorta di fobia per la situazione economico debitoria attraversata dall’uomo in questo periodo. Lo conferma l’avvocato Stefano Bettinelli, legale dei suoceri di Maja che ha conferito con gli avvocati del sospettato dopo la conclusione dell’interrogatorio avvenuto in tarda mattinata.

Lo stesso avvocato, però, non può al momento dare contezza di questi presunti debiti: «I commercialisti che si occupavano degli affari di Alessandro Maja e della sua società si sono trincerati, almeno con noi, dietro al segreto professionale ma sappiamo che la Procura sta lavorando su questa parte e prima o poi questo aspetto verrà chiarito».

La famiglia di Stefania Pivetta è convinta che il genero abbia pianificato la strage famigliare e che non si sia trattato di un raptus o di follia: «Se follia c’è stata è stata lucida. Ce lo dice la modalità con cui ha compiuto gli omicidi, approfittando del fatto che tutti in quel momento stessero dormendo».

 

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 13 Maggio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.