Giustizia, Pellicini: “Come si sta agendo per risolvere il problema dei liberi sospesi?”

Il “libero sospeso” è un cittadino condannato a una pena detentiva fino a 4 anni che chiede una misura alternativa al carcere ma, a causa dei ritardi considerevoli accumulati, resta in un limbo, anche per anni, in attesa di una decisione del Tribunale di Sorveglianza

andrea pellicini

Con un’interrogazione parlamentare a risposta scritta, in questi giorni il Deputato di Fratelli d’Italia e componente della Commissione Giustizia alla Camera Andrea Pellicini ha chiesto al Ministro della Giustizia Carlo Nordio come si stia agendo per risolvere il problema dei cosiddetti “liberi sospesi”.

«Il “libero sospeso” – spiega Pellicini – è un cittadino condannato a una pena detentiva fino a 4 anni che chiede una misura alternativa al carcere ma, a causa dei ritardi considerevoli accumulati, resta in un limbo, anche per anni, in attesa di una decisione del Tribunale di Sorveglianza. Al dicembre 2022 erano infatti 90 mila le istanze provenienti da questi soggetti non ancora decise dai Tribunali di Sorveglianza. Sono dunque necessari strumenti per abbattere l’arretrato dei provvedimenti in trattazione» conclude l’Onorevole.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 08 Febbraio 2024
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.