Ricerca

» Invia una lettera

La prepotenza di chi va in bici sui marciapiedi

bicicletta sul marciapiede
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

16 luglio 2020

Gent.ma redazione,

con la presente lettera desidero “urlare” a gran voce il mio sdegno nei confronti della maleducazione di molti di coloro i quali girano la città in sella alla loro bicicletta. I più numerosi non sono i gruppi di ciclisti professionisti o dilettanti, ma sono proprio i cittadini comuni, di ogni età origine etnica e genere, che scorrazzano per le vie varesine sui marciapiedi nei portici e sui passaggi pedonali, spesso in contromano, convinti di poterlo fare (chissà poi perché!); totalmente indifferenti delle norme del codice della strada vigenti (e storiche), ma soprattutto incuranti del diritto di tutti i pedoni, spesso accompagnati da carrozzine o cani al guinzaglio, costretti a spostarsi per lasciar passare l’impedito/a ciclista di turno.

Vorrei ricordare che, salvo poche vie predisposte e segnalate dall’apposita cartellonistica stradale, è vietato viaggiare in bicicletta sui marciapiedi di qualunque metratura, sotto i portici e sui passaggi pedonali, perché (come dice la definizione di questi ultimi) sono aree predisposte a uso esclusivo dei pedoni, ossia di individui che procedono a piedi: che camminano!

Sono proprio stanca di dover discutere con tutti, anche perché mi sembrerebbe corretto che polizia locale e forze dell’ordine intervenissero per scoraggiare questo comportamento sbagliato, che dilaga sempre più, nonostante vietato dalla legge. Tant’è che sono state create inutili piste ciclabili in alcune zone cittadine, senza in realtà supervisionarne l’uso e l’abuso.

La mia delusione invece è grande, perché sembra una delle troppe cose poco importanti per l’amministrazione varesina.
Non allego immagini, che peraltro ho, reputando inutile farlo, perché chi legge e vive in questa città, sa bene di cosa parlo. Ma riporto una sola frase di risposta di uno di questi numerosi prepotenti, che pedalava tranquillo sotto un portico della città, a cui ho fatto notare la violazione:” Dillo al sindaco!”
Beh, spero che il sindaco abbia la cortesia di leggere e la professionalità di considerare la questione.

T.
(Lettera firmata)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.