Ricerca

» Invia una lettera

Le chicche dei vigili urbani di Gavirate

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

29 novembre 2004

La Polizia Locale di Gavirate e Comerio fa il suo dovere. E’ appostata più volte la settimana ed a giorni differenti nelle aree più “sensibili” del territorio comunale per reprimere gli “sgarri” al codice della strada da parte del cittadino contribuente, sanzionando quei comportamenti illegali che più di tutti mettono in pericolo la sicurezza della circolazione e dei cittadini: l’eccesso di velocità oltre i dieci km/h (da € 137,55 più una decurtazione di minimo 2 punti). Si sa che è tra le 22.00 e le 24.00, meglio se nel week end, che si consumano la maggior parte delle infrazioni. Per giunta, in settimana, visto che il traffico stradale nella tarda serata è limitatissimo sono ancora più attenti e fare in modo che il conducente scriteriato non colga l’occasione di una strada priva di traffico per superare i 50 km orari nelle aree urbane. Nulla da eccepire: si fa rispettare la legge, si limitano gli incidenti, si preserva l’incolumità pubblica.
Ciò che lascia sconcerto e che l’Amministrazione comunale, vera beneficiaria della montagna di soldi derivanti dal pagamento delle sanzioni, con i quali può compensare i tagli di Berlusconi al Bilancio comunale, non abbia deciso di destinarne in parte alla predisposizione di corsi per il riacquisto dei punti persi dai conducenti o dagli obbligati in solido.
Molte Amministrazioni già lo hanno fatto e forniscono il servizio in modo gratuito. Come dire: con la destra ti bastono per le violazioni al c.d.s., ma con la sinistra ti restituisco in parte la sanzione pagata rieducandoti gratuitamente al rispetto delle leggi.
Oggi a Gavirate solo le scuole guida fanno tali corsi e con costi a partire dai 100 Euro. E i cittadini pagano, giorno dopo giorno, la “tassa” per essere automobilisti che guidano sopra i 50 Km.

Il Segretario DS - Marco Tuozzo

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.