Cannabis: come perdere la testa e, a volte, la vita

Martedì 22 gennaio al cinema Vela, il Centro culturale Kolbe ospita Claudio Risè, autore di un libro sugli effetti delle droghe leggere

Martedì 22 gennaio, con
inizio alle ore 21.00, presso il Cinema Vela, Varese
su iniziativa del Centro
Culturale Massimiliano Kolbe di Varese sarà presentato l’ultimo lavoro di Claudio
Risè, “Cannabis. Come perdere la testa e a volte la vita
, edizioni
San Paolo.

«Ci ha colpito il rigore scientifico del
testo, ma soprattutto la battaglia culturale per smascherare la menzogna, che
porta a nascondere ai nostri giovani che, con lo spinello, rischiano la
malattia e il danno cerebrale, cognitivo e caratteriale, lasciando loro credere
che non è poi così grave, che in fondo tutti lo fanno…» afferma Maria Bardelli,
presidente del Centro Culturale.

Claudio
Risé, psicanalista, docente di Sociologia dei processi culturali e delle
comunicazioni all’Università dell’Insubria di Varese, che lavora da molti anni
sui problemi derivanti dalla crisi della figura paterna, è autore tra l’altro
del libro“ Il padre, l’assente inaccettabile”.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 21 Gennaio 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.