Cina e India fanno schizzare il prezzo del Latte Varese

Un aumento di quasi 18 centesimi in soli tre mesi. Secondo Coldiretti la causa è l'aumento dei prezzi dei cereali con cui si alimentano le mucche

Perché in poco più di un mese il latte che è un bene primario è aumentato di 20 centesimi? La domanda è stata posta da un lettore di Varesenews e consumatore affezionato del "Latte Varese", commercializzato dall’omonima cooperativa agricola. «l’aumento riguarda tutti i marchi – dice Carlo Crosti, direttore di "Latte Varese" –  ed è dovuto a un accordo su base nazionale riguardante i produttori di latte. In pratica le stalle hanno chiesto un aumento da dividere in tre tranche: la prima a settembre, la seconda a ottobre e la terza a gennaio. La cooperativa "Latte Varese" ha scelto di accorpare gli aumenti in due tranche, per non penalizzare i consumatori. Per cui a settembre non abbiamo fatto alcun aumento, accorpandolo a quello di ottobre».
(foto, da sinistra: carlo Crosti, l’assessore provinciale Bruno Specchiarelli e Fabio Binelli presidente della cooperativa agricola "Latte Varese")

Il prezzo al consumo è dunque passato da 1, 14 euro a 1, 32 euro. «Noi non consigliamo più il prezzo di vendita al pubblico – continua Crosti –  ma solo quello di acquisto, in rispetto della circolare antitrust che mira giustamente  a non far nascere accordi tra i produttori. Non abbiamo avuto lamentele, anche se ci siamo visti calare sulla testa un aumento di cui avremmo fatto volentieri a meno».

Le ragioni dell’aumento del prezzo di produzione del latte, che è passato da 0,33  a 0,42 centesimi di euro, sarebbero dovute all’aumento del prezzo dei cereali usati per alimentare le mucche e del gasolio usato per i mezzi agricoli. «È la prima volta in quattro anni che aumenta il prezzo base del latte, negli anni precedenti era sempre diminuito – spiega Ignazio Bonacina, della Coldiretti -. È accaduto sia perché India e Cina hanno fatto man bassa sulle borse mondiali del grano per la richiesta del loro mercato interno, sia per l’aumento del petrolio. Inoltre, un ruolo negativo è stato giocato dalla siccità che ha diminuito la redditività dei raccolti. Un ritorno a stagioni normali, dove neve e pioggia riprendano il loro ciclo naturale, farebbe bene anche al prezzo del latte».

Il prossimo 31 marzo ci sarà la nuova trattativa con i produttori di latte e non si esclude un ulteriore aumento del prezzo al consumo. «Mi auguro di no – conclude Bonacina – anche se il condizionale è d’obbligo».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 04 Gennaio 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.