In manette pusher della movida varesina

L’arresto avvenuto in piazza Monte Grappa. Il giovane, 23 anni, era seguito dagli agenti della Mobile

La teneva nelle mutande e nei calzini. Bianca, costosa e richiestissima cocaina, tanto da averne con sé 30 grammi e da riuscire ad intendersi con gli acquirenti – che lo aspettavano e lo conoscevano – con semplici gesti del volto, quasi fosse l’abitudine. Ma il giovane albanese di 23 anni non ha fatto i conti con gli agenti della squadra mobile di Varese, in borghese e confusi tra ragazzi a cui piace tirare tardi fuori dai bar del centro. Così è finito in manette Dorian Lekaj, poco prima che arrivasse alla sua auto, forse con l’intento di piazzare il contenuto custodito nelle sue parti intime, attorno all’una di questa notte, 9 agosto. Le manette sono scattate in pieno centro. Gli inquirenti della Mobile hanno ricostruito il menage del giovane: era regolare sul territorio italiano e diceva di fare il muratore; sta di fatto che la sera arrivava a bordo della sua auto – anche se abitava poco distante – che parcheggiava a due passi dalla centralissima Monte Grappa.  Proprio come avvenuto ieri sera. Il giovane arriva in piazza Ragazzi del 99 a tarda serata. Scende dall’auto e già gli agenti notano lo scambiarsi di gesti tra alcuni ragazzi e il giovane straniero. Poi, dopo aver scambiato qualche parola con i possibili acquirenti, ecco che il ventitreenne torna alla sua auto, forse per reperire la polvere bianca lontano da occhi indiscreti. A quel punto gli agenti lo bloccano. Il ragazzo ha con sé 30 grammi di coca ben nascosta. Poi la perquisizione domiciliare, dove il giovane vive con un parente, risultato essere estraneo alla vicenda. Nei locali di sua pertinenza sono stati trovati bilancini e l’occorrente per confezionare delle dosi, altra cocaina e contanti, oltre a quelli che portava addosso, per un totale di 2.250 euro.
Il giovane è stato arrestato con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e ora si trova ai Miogni. Le indagini sono coordinate dal dottor Petrucci e potrebbero in futuro riservare sorprese, dal momento che nella casa del giovane sono stati trovati alcuni “pizzini” , foglietti di carta su cui il ragazzo segnava nomi, orari e cifre, con ogni probabilità riconducibili alla sua attività illecita.

Galleria fotografica

Spaccio di coca in centro 4 di 6
di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 agosto 2008
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Spaccio di coca in centro 4 di 6

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore