Muore in moto Andrea Pininfarina

L'imprenditore, già vicepresidente di Confindustria e presidente di Federmeccanica, oltre che AD di una delle più famose carrozzerie al mondo, è stato travolto da un auto

Andrea Pininfarina, 51 anni è morto questa mattina, 7 agosto 2008, in un incidente stradale alle porte di Torino. Pininfarina era presidente e amministratore delegato dal 2001 della carrozzeria torinese di famiglia, dalla lunga storia e dalla fama internazionale, di cui rappresentava la terza generazione. Vicepresidente di Confindustria durante la presidenza di Luca Cordero di Montezemolo, attualmente era membro del consiglio direttivo. E’ stato anche presidente di Federmeccanica e dell’Unione Industriali di Torino, e nel 2005 era stato nominato Cavaliere del Lavoro.

L’incidente è avvenuto poco dopo le 8 in via Torino, a Trofarello. Pininfarina stava raggiungendo in moto la sede della sua azienda, che non è molto distante dal luogo dell’incidente.
L’auto che lo ha investito, secondo le prime informazioni, gli avrebbe tagliato la strada, travolgendo la moto. L’imprenditore è morto sul colpo.

Pininfarina è stato più volte a Varese, in occasioni pubbliche: all’assemblea dell’Unione Industriali di Varese del 2003 assistette al “cambio della guardia” tra Marino Vago (che reincontrò poi in confindustria, entrambie vicepresidenti) e Alberto Ribolla. Più recentemente, assistette all’assemblea 2006 di Federmeccanica Varese, di cui allora era presidente nazionale.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 agosto 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore