Piena occupazione

Sulle rotonde del Varesotto campeggiano elementi della nostra produzione. Aerei, torni, telai e tanta floricoltura. Per un breve periodo alla Schiranna erano comparsi anche dei cervi. Poi a forza di tagliargli le corna si è pensato bene di eliminarli.
La Lega poi si spinse più in là riempiendo alcuni spazi con il sole delle alpi. Ora il grande salto. In vista dei mondiali a Capolago sono state installate nove sculture raffiguranti altrettanti politici doc del Carroccio.
Un biglietto da visita chiaro e preciso. Sembra dire: “cari visitatori siete arrivati nella terra della Lega e questi sono i nostri eroi”.
Un gesto che marca il territorio. Una scelta che coinvolge tutti i cittadini. Gli amministratori e i politici del Carroccio hanno avuto certamente meriti per aver portato i mondiali di ciclismo a Varese, ma il risultato non dipende solo da loro. E comunque a prescindere da questo, la Lega rappresenta un elettore su quattro e non ha alcun diritto ad occupare la scena pubblica oltre ogni limite.
Non vorremmo poi dover credere che per difendere il “decoro urbano” ora vadano predisposte anche specifiche azioni a tutela dei nove velocisti o scalatori verdi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 agosto 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore