Una tassa sui frontalieri per risanare i conti svizzeri

La proposta è dell'Udc. La tassa di 50 franchi al mese indipendentemente dal reddito del frontaliere

L’Udc ha presentato una proposta per risanare i conti, in risposta al Governo che vuole aumentare le tasse. Il problema è quello che si presenta a tutti i governi che devono risanare i conti: dove si trovano i soldi? Una parte la si recupera dai tagli alla spesa, un’altra dalla tassazione. Ma chi bisogna tassare? L’Udc svizzera ha avanzato una serie di proposte tra cui la tassa sul frontalierato.  Attraverso un contributo mensile di 50 franchi per ogni singolo frontaliere, indipendentemente dal reddito, farebbe affluire in cassa ben 25 milioni di franchi all’anno. (foto: la dogana di Ponte Tresa)
Un "risarcimento" per i dieci milioni di transiti annui che impattano nel Ticino.  Il modello sarebbe l’ecopass di Milano e di Londra.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 agosto 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore