Amabile: “La Rutil fallisce, ma il sindacato non ha responsabilità”

La Uilm rispedisce le accuse ai vertici dell'azienda. «Il sindacato era pronto a firmare quell'accordo»

«La Uilm e tutto il sindacato nella vicenda Rutil hanno sempre e solo cercato di tutelare i lavoratori. E continueremo a a farlo. Non accettiamo però il ruolo di capro espiatorio. L’accordo era pronto e noi eravamo pronti a firmarlo». Otello Amabile della Uilm  risponde alle accuse rivolte al sindacato dai vertici dell’azienda. «Non so perché Brivio abbia fatto un passo indietro quando tutto era definito. Posso immaginare che forse la Rutil aveva troppi debiti con le banche e quindi l’acquirente si sia spaventato».
«Noi siamo il sindacato e facciamo il sindacato, ma non siamo così stolti da far fallire un’azienda. Per noi quell’accordo era già firmato, il problema è tutto interno alle proprietà. Io avevo già manifestato il mio dubbio sul fatto che l’acquirente non avesse un piano industriale. Come si fa a rilanciare un’azienda senza un’idea di come fare? Inoltre, e questo non mi è piaciuto affatto, hanno cercato di spaccare il fronte sindacale».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 09 Aprile 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.