Sea in Borsa, la Cgil: “vogliamo chiarezza”

Nino Cortorillo, segretario dei lavoratori del trasporto, chiede l'apertura di un tavolo. "Non siamo contrari, ma vogliamo capire le finalità"

Prosegue la rincorsa di dichiarazioni a sostegno della vendita di azioni SEA da parte del Comune di Milano: l’operazione è guardata con favore da PdL e Lega al governo del Comune di Milano (socio di Sea in Borsa, la Cgil chiede un confronto immediatomaggioranza, 84,56%), ma anche dai vertici della Provincia di Milano, che detiene il 14% delle quote. La Filt Cgil Lombardia chiede invece l’apertura immediata di un tavolo di confronto in cui il Comune di Milano chiarisca «un’operazione di vendita che non ci vede contrari ma ci preoccupa perchè non sono chiare le finalità».

«La politica – è l’invito di Nino Cortorillo, segretario generale Filt Cgil Lombardia – smetta di parlare di vendita di azioni senza preoccuparsi che dietro ogni azione c’è un lavoratore, la preoccupazione dei lavoratori su possibili speculazioni è molta. La proprietà ha il dovere di fare chiarezza se non ha intenzione di abdicare al suo ruolo di soggetto pubblico. Chiediamo di sapere quali modalità di vendita sono previste, quale percentuale sarà messa in vendita, a quali soggetti sarà rivolta la vendita, a chi e per quali finalità saranno destinate le risorse derivanti dalla vendita».
 
La Filt – Cgil ritiene che oltre alla collocazione in borsa, che potrebbe realizzare un azionariato diffuso, quanto ricavato vada destinato allo sviluppo degli aeroporti e a sostenere il Piano di Investimenti di 1,4 miliardi di euro. «Se non fosse cosí sarebbe piú serio dire che si vende una parte per distruggere il tutto».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 novembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore