Le scuole fanno rete per promuovere la Cultura scientifica

Dal 12 al 24 marzo torna la "Settimana della Scienza". Oltre 30 eventi organizzati dalle scuole cittadine unite in rete. Uno sforzo culturale offerto ai ragazzi e all'intera cittadinanza

L'edizione d2011 della Settimana della scienzaIn tempi di crisi, a risentirne è spesso la Cultura. Non a Gallarate, però, dove le difficoltà hanno aguzzato ancora di più l’ingegno. E così, la città dei “due galli” si ritrova ad ospitare, per il sesto anno consecutivamente, la Settimana della Scienza, quest’anno dedicata alle "reti".

Sette giorni di eventi, conferenze, esperienze dirette aperti sia alla popolazione sia agli studenti. Per l’edizione 2012, i licei di viale dei Tigli, da cui era partita l’iniziativa, ha coinvolto tutte le scuole del gallaratese. Studenti e professori si sono impegnati per preparare una o più offerte destinate a far crescere la passione per il pensiero scientifico tra gli alunni di ogni età.

« Il Comune di Gallarate – ha voluto precisare l’assessore alla Cultura Sebastiano Nicosia – ha voluto essere presente con l’assessorato alla Cultura proprio per rimarcare l’alto valore insito in questo grande sforzo corale».

Circa 5000 i ragazzi che verranno coinvolti dal 12 al 24 marzo: mostre, conferenze, spettacoli, convegno, laboratori, approfondimenti incentrati sul tema della rete. Molteplici gli spazi dove si terranno gli incontri: dal teatro Condominio, alle aule dei diversi istituti, al museo Maga. 

«La nostra epoca sarà segnata dal ‘fenomeno rete’ – ha ricordato la preside dei licei Luisella Macchi –  Come ogni fenomeno morfologico profondo, a carattere universale, il fenomeno rete appartiene non soltanto alla scienza ma anche alla vita sociale. Ciascuno di noi si sposta in reti, infatti ogni rete corrisponde ad un certo tipo di comunicazione, di frequentazione, di associazione simbolica»

Oltre trenta gli appuntamenti per spaziare dalle reti neuronali alle linguistiche, dalle informatiche alle sociali, senza trascurare le più avanzate esperienze sulle reti delle risorse intorno alla persona.  I bambini delle elementari sperimenteranno le reti informatiche, conosceranno le reti di illuminazione tra circuiti sensi e sentimenti e saranno coinvolti nella costruzione di uno spettrocopio a reticolo. Per gli alunni delle medie l’offerta spazierà dalla realizzazione della pila biologica alla scoperta di come gli atomi formano la rete, dalla costruzione di reticoli cristallini alla formazione e rottura dei legami chimici. Gli studenti delle superiori si cimenteranno nella scoperta di polimeri e collanti, nella fabbricazione della cella solare al mirtillo. A loro saranno anche riservati gli approfondimenti di linguistica computazionale, di reti energetiche rinnovabili o di social network

Aperte a tutti, infine, sono le conferenze che spaziano dal cynberbullismo, socialnetworking e cacciatori della rete, alla raccolta di rifiuti e apparecchiature elettriche ed elettroniche, a lavoro dei neuroni. Una riflessione sarà anche dedicata al ruolo dell’aeroporto di Malpensa all’interno del sistema aereo europeo. 

Grande e intenso lo sforzo che la rete scolastica gallaratese ha sostenuto per veder decollare un’opportunità allargata all’intero territorio. Un’impresa che merita proseliti. 

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 06 Marzo 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.