L’asino morto e risorto con Google

La rete accusa una Google car di aver ucciso un asino. Il colosso replica: L'animale sta bene e si stava solo godendo un po' di relax"

Google e l'asino africano“La Google car ha ucciso un asino in Africa”. La rete si scatena e perfino giornali titolati come The Telegraph pubblicano la storia sul loro sito. La risposta ufficiale del colosso informatico non si fa attendere. In un post titolato "Never ass-ume", Kei Kawai di Google Maps spiega cosa è realmente successo.
“Alcuni media hanno speculato sulla sorte di un asino nella foto in Street View nella regione Kweneng del Botswana. A causa del modo in cui si vedono alcune nostre immagini a 360°  sembrava che la nostra macchina avesse colpito l’asino lasciandolo morto in mezzo alla strada. In realtà l’animale giaceva nel percorso – forse godendo di un bagno di polvere – prima di spostarsi in sicurezza sul lato della carreggiata. Sono lieto di confermare l’asino è vivo e vegeto”.
Insomma, tutto è bene quel che finisce bene.

Galleria fotografica

Google e l'asino africano 4 di 5
Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 17 Gennaio 2013
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Google e l'asino africano 4 di 5

Video

L’asino morto e risorto con Google 1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.