Famiglia sfrattata porta sacchi e materassi di fronte al Comune

Una donna di 45 anni con la sua famiglia, dopo essere stata sfrattata e senza una casa, ha portato tutti gli effetti personali in piazza Repubblica per chiedere aiuto

Non ha più una casa, è stata sfrattata e ha portato i suoi effetti personali di fronte al Municipio, tra sacchi, materassi, pentole e passeggino. È accaduto a Saronno, dove una donna di 45 anni attende un aiuto dal Comune: per attirare l’attenzione sul suo caso ha portato i due figli di 19 e 4 anni con lei, insieme a tutti gli effetti personali con cui è stata sfrattata. 
La donna, Lyubov Dorobalyuk, 45enne di origine ucraina, ha spiegato ai servizi sociali che non ha più un posto dove andare. È arrivata nella giornata di lunedì con tutte le sue cose, intenzionata a passare con la famiglia la notte davanti al municipio. Poi gli uomini degli uffici comunali l’hanno convinta a dormire all’ostello comunale. Nella giornata di martedì è stato trovato un accordo temporaneo con i servizi sociali: madre e figlio piccolo saranno ospitati nell’ostello per una settimana a carico del Comune, mentre il padre e il figlio grande dormiranno nell’ostello a spese proprie. Nel frattempo dovranno trovare un’altra soluzione. 

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 09 Settembre 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.