La città ospita 25 profughi

E' arrivato giovedì il gruppo di migranti che sarà ospitato in città. Si tratta di uomini dai 18 ai 25 anni che arrivano dall’Africa Occidentale

Nella giornata di giovedì 25 settembre 2014 sono arrivati al centro di accoglienza di via Quasimodo i 25 profughi destinati dalla Prefettura di Milano al territorio del Legnanese (immagine di repertorio). Sono tutti di sesso maschile, di età compresa tra i 18 e i 25 anni.
Questi gli Stati di provenienza: 21 dal Gambia, 3 dal Senegal, 1 dalla Costa d’Avorio. Tutti avevano lasciato il loro Paese natio tra il 2012 e il 2013 per fuggire dalla miseria e per cercare lavoro in Libia, dove hanno svolto attività di manovalanza. Qui sono stati successivamente bloccati della guerra civile in corso e, impossibilitati a fare ritorno alle loro case, sono fuggiti verso l’Italia. Una volta approdati sulle coste della Sicilia sono stati ospitati per alcuni giorni in un centro di accoglienza dell’isola e successivamente trasferiti a Bresso (Milano) in una struttura gestita dalla Croce Rossa. Qui sono stati tutti foto segnalati, sottoposti ad accurati esami sanitari ed hanno avviato le pratiche richieste per ottenere asilo politico.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 26 Settembre 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.