“No Mucci all’Ato”

Sel critica la proposta di affidare la carica all'ex sindaco di Gallarate

Sinistra Ecologia Liberta’ ritiene inopportuna la proposta di Mucci,ex sindaco di Gallarate, a presidente dell’ATO. Non perche’ sia stato rimossso dal consiglio di Stato da una carica,direttore della ASL di Sondrio , carica che non gli spettava e neppure perche’ il Consiglio Regionale Lombardo lo abbia censurato ufficialmente per abuso di ruolo.

Non perche’ i suoi anni a sindaco di Gallarate siano stati discussi e discutibili e abbiamo visto,tra l’altro la condanna dell’amministratore di AMSC da lui nominato a tre anni e e alla interdizione dei pubblici uffici per 15. No e’ inopportuna perche’ dopo tutte le prediche sul passo indietro dei partiti nella gestione dei beni pubblici quella di Mucci e’ una semplice operazione spartitoria. Al NCD “toccano” delle cariche nei nuovi assetti della provincia perche’ concorrerebbe alla formazione della maggioranza.

Cosa c’e’ di piu vecchio in questa logica? Nessun merito,l’importante e’ far parte di maggioranze . variabili,sia pure,ma basta stare in maggioranza. Abbiamo condotto la campagna elettorale per il nuovo consiglio provinciale condividendo con Gunnar Vincenzi l’obbiettivo della discontinuita’. La proposta di Mucci all’ATO non e’ un incidente di percorso lungo questo cammino. E’ un capovolgimento. Non sono i sindaci i protagonisti ,cosi come si dichiarava qualche mese fa, ma le segreterie dei partiti. Non sono i sindaci a scegliere ,ad elaborare il programma dell’area vasta. Sono convocati a votare per statuto ma i giochi si fanno come al solito. La strada per il vero cambiamento e’ un’altra. Passa per la cessione di ruolo delle segreterie dei partiti,passa per un processo partecipativo che coinvolga sempre piu soggetti.
A partire dagli amministratori Ci auguriamo ancora che nel Consiglio Provinciale ci sia un sussulto di discontinuita’. Che Mucci, ci perdoni ,non c’e’ nessuna questione personale,possa continuare la sua esperienza politica anche senza rivestire ruoli istituzionali. E ad altri tocchi guidare l’ATO. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 dicembre 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore