Maurizio Cabona a Saronno per la festa della donna

Onestà vuole che si dica che il pubblico non era particolarmente numeroso ieri 7 marzo all’auditorium Aldo Moro. Non numeroso, ma sicuramente attento e partecipe

mimosa festa della donna

Onestà vuole che si dica che il pubblico non era particolarmente numeroso ieri 7 marzo all’auditorium Aldo Moro. Non numeroso, ma sicuramente attento e partecipe. Erano presenti fra gli altri l’assessore alla cultura Lucia Castelli, l’assessore ai servizi sociali Gianangelo Tosi, i consiglieri della Lega Codega e Sironi, il referente cittadino di Fratelli d’Italia Ernesto Credendino.

In sala anche Giuseppe Manzoni di Chiosca e Francesco Menna, dirigenti dell’Associazione Scuola e Professionalità Insegnante che ha collaborato con l’Assessorato alla cultura nell’organizzazione dell’evento.

Alfonso Indelicato ha proposto una breve presentazione della scrittrice Annie Vivanti, autrice del romanzo “Vae victis” da cui è tratto il film di Matarazzo “Guai ai vinti”. L’ospite d’onore era però il noto critico cinematografico Maurizio Cabona per la prima volta a Saronno, che ha presentato il film e, dopo la proiezione, lo ha commentato e successivamente risposto a domande del pubblico.

“Guai ai vinti”, prodotto nel ’54,  è, secondo Cabona, un riassunto dell’Italia del 1917 (quando il film è ambientato) come anche del ’54 (quando esce) perché fra le due italie, a suo dire, c’è una sostanziale continuità. I temi che vengono affrontati: l’aborto, la violenza ai danni delle donne, lo scontro fra bigottismo da una parte e anticlericalismo dall’altra, vengono tutti affrontati nel film, certo con quella cautela che era tipica di una nazione a forte impronta cattolica e che non aveva ancora vissuto le trasformazioni economiche e sociali degli anni ’60, i quali costituiscono, a parere del critico, la vera cesura nella storia dell’italia moderna.

Dunque una serata interessante, nella quale Cabona ha confermato la sua fama di intellettuale fuori da tutti i cori capace di mettere in discussione convinzioni consolidate, non certo per un puro gusto dissacratorio ma per  quello di gettare lo sguardo nel fondo spesso oscuro delle questioni culturali e storiche.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 08 Marzo 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.