Bocciofila Bederese, riconfermate le cariche sociali

È stato eletto il consiglio per il prossimo quadrienno. Numeri confortanti : 25 atleti agonisti, 80 soci e una gestione in attivo

Bocciofila bederese

Per il G.S. Bocciofila Bederese sabato 17 dicembre 2016 è stata una giornata satura d’impegni che hanno permesso di concludere l’anno rispettando tutte le scadenze statutarie. Oltre all’assemblea ordinaria presso la sala del bocciodromo di Brezzo di Bedero, alle ore 18 in seconda convocazione, erano previste le fasi finali del tradizionale campionato sociale, la cena sociale per l’altrettanto consueto scambio di auguri e la premiazione della competizione conclusa poco prima dell’inizio dell’assemblea, la quale assumeva quest’anno un significato particolare, essendo previste le elezioni del consiglio per il prossimo quadriennio. (nella foto, da destra: il presidente Roberto Bramani Araldi premia il vincitore della gara sociale)

La relazione del presidente ha aperto i lavori sottolineando che: «Il g.s. Bocciofila Bederese, che all’inizio del 2015 ha rischiato di concludere la sua attività per i fatti ben noti, ha continuato nel suo cammino in modo spedito, grazie al rispetto rigoroso del comodato d’uso gratuito stipulato con l’amministrazione comunale, del quale abbiamo ricevuto, è vero, solo alcuni giorni or sono la disdetta, ma rinnovabile, seppure su basi diverse, con cadenze, prevedibilmente, annuali. Il tenere aperto il Centro praticamente tutti i pomeriggi – dalle ore 13,30 alle ore 18/18,30 –, salvo le eccezioni di alcune festività, ha confermato che tutto ciò è stato ed è possibile solo grazie ad un volontariato encomiabile ed esaltante. Parallelamente è continuata l’impegnativa attività agonistica con l’organizzazione di sei gare. Il risultato è da ritenere di buon livello, dato che è stata mantenuta la competizione nazionale per i giocatori di serie A, quest’anno onorata dalla partecipazione di quasi tutti i migliori giocatori italiani e quindi mondiali – basti pensare che fra i convocati ai recenti Campionati Europei, dominati dai colori azzurri, c’erano cinque dei finalisti della nostra gara – da due gare regionali e una provinciale, da una gara a squadre ad inseguimento e da una gara libera.  Inoltre non può essere ignorata la partecipazione pomeridiana corrente: in alcuni giorni si sfiorano le quaranta/cinquanta presenze. Questo è un motivo di orgoglio che va ad aggiungersi all’incremento degli atleti – arrivati a 25 agonisti – e a quello dei soci, giunti al ragguardevole numero di 80. Una menzione particolare a Franco Minetti, immagine della serietà e della costanza, punto di riferimento continuo dell’attività, senza dimenticare Massimo Moschini, impeccabile nella preparazione dei campi da gioco, a Romano Luini, prezioso per la sua grande esperienza, fino ai nuovi consiglieri Giuseppe Anelli e Silvano Guidoni, sovente disponibili a fornire il loro contributo arbitrale nelle competizioni serali».

La relazione del Tesoriere Gianni Cecco ha confermato la sua sana gestione della società che registra un leggero attivo, atto ad assicurare la sopravvivenza a fronte di future spese indispensabili. Le elezioni hanno confermato all’unanimità la compagine uscente composta da Anelli, Cecco, Donà, Guidoni, Luini, Minetti, Moschini, Remo Passera e Bramani Araldi, nelle rispettive cariche.

Durante la cena sociale – ottimamente approntata dalla Pro Loco di Pietro Birtolo -, resa significativa dalla presenza del vic sindaco Roberto Sculati, dai consiglieri Paolo Berti e Luca Minelli, oltre a Daniele Boldrini e al presidente incoming del Comitato provinciale FIB di Varese Guido Bianchi, ha avuto luogo la premiazione del campione 2016 Osvaldo Bolloli – ragazzino ultra novantenne – seguito da Massimo Moschini, Renata Paganessi e Roberto Bramani Araldi.
A concludere, in affettuosa amicizia, scambio di auguri e omaggio natalizio agli atleti.

di
Pubblicato il 22 dicembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore