La Uyba non incanta, ma ritrova Spirito e batte Gent

Senza Diouf, tenuta a riposo, le biancorosse superano 3-1 le giovani belghe nell'andata del primo turno di Cev Cup dopo aver ceduto il set iniziale. Buon rientro del libero azzurro dopo il lungo infortunio

UYBA - VDK Gent

Doveva essere una partita facile quella del debutto in Coppa CEV per la UYBA, tra le mura amiche contro il VDK Gent Dames e invece non sono mancati gli ostacoli per una prestazione altalenante delle biancorosse, che riescono comunque a vincere per 3-1 (25-27, 25-19, 25-21, 25-17) e a mettere “mezza ipoteca” sulla qualificazione al secondo turno, anche se in Belgio bisognerà evitare passi falsi.

Galleria fotografica

UYBA - VDK Gent 4 di 5

Al PalaYamamay si vede una certa confusione in campo da entrambe le parti e, soprattutto per le padrone di casa, una difesa troppo problematica contro una formazione giovane e senza nomi di spicco in rosa ma senza dubbio combattiva.
La nota lieta è il debutto stagionale per il libero Ilaria Spirito, ormai guarita dall’infortunio al ginocchio che l’ha tenuta ferma dall’estate. L’azzurra parte in panchina ma a metà del primo set fa il suo ingresso sul taraflex e gioca tutto il resto della partita, collezionando il 53% di ricezione positiva, per una prestazione sufficiente e incoraggiante, visto che è mancata per tanto tempo da una competizione ufficiale.

Top scorer in casa Busto, Martinez con 23 punti e il 50% positivo, seguita da capitan Pisani (10, di cui 2 a muro e 73% positivo). Buono, in casa biancorossa, proprio il gioco a muro con 11 punti in questo fondamentale mentre in battuta ace (6) ed errori (6) si equivalgono. Dall’altra parte Flament segna 17 punti (41%), seguita da Neyt P. (15, 35%) e capitan De Valkeneer (14, 33%).

Per le farfalle quindi arrivano tre punti preziosi anche se conquistati con maggiore fatica rispetto al pronostico ma che caricano la UYBA anche in vista del turno di ritorno in trasferta, in programma settimana prossima. Adesso la testa va al campionato, all’impegno di sabato contro Monza, sperando nel recupero di Diouf, che questa sera ha seguito la partita dalla panchina per evitare ulteriori problemi alla schiena.

LA PARTITA

Mencarelli schiera in campo Signorile in regia, Sartori opposto, Pisani e Stufi al centro, Martinez e Fiorin in banda, Witkowska libero. Il primo set inizia con le farfalle sotto per 1-5. Si va al primo time out tecnico sul 4-8 e al rientro in campo le biancorosse si rifanno sotto e vanno a -1 (9-10). Le ragazze di De Clercq sono gasate e sfruttano il disastro in difesa della metà campo biancorossa per volare sul 18-22. A questo punto fa il suo debutto in campo anche il libero Spirito; le farfalle possono sfruttare una serie di imprecisioni delle avversarie e sul 23-24 il tecnico belga chiama il time out. Si va ai vantaggi e l’ace di Flament segna il 25-27.
Nel secondo parziale Mencarelli schiera Moneta al posto di Fiorin. Le biancorosse partono più decise e si va al time out tecnico sull’8-5. Al rientro in campo Pisani e compagne volano sul 15-8. Una serie di erroracci della UYBA regala punti alle avversarie e sul 16-11 e così Mencarelli deve fermare il gioco. Sul 17-12 dentro Negretti su Sartori per rinforzare la difesa; De Valkeneer e compagne però non si arrendono e costringono la panchina bustocca al time out (22-18) che produce i suoi frutti perché al rientro il set si chiude 25-19 per le padrone di casa.
Nel terzo set cambia tutto e le bustocche si trovano a rincorrere le avversarie, avanti 1-8. Sul 2-9 Mencarelli prova a cambiare le carte inserendo Fiorin su Moneta e Cialfi su Signorile in regia. Proprio Cialfi prova a spostare il gioco su Martinez e la dominicana non tradisce, portando il divario a -4 (6-10). Sul 7-12 ancora un cambio, stavolta dentro Berti su Pisani per alzare il muro. Il pubblico sugli spalti del Palayamamay incita le ragazze in campo, che rispondono portandosi a -2 (12-14) e costringendo De Clercq al time out. Al rientro in campo le padrone di casa guadagnano il vantaggio e riescono a sfruttare un momento no delle avversarie per portarsi sul 21-18. La battuta di Flament cancella due set point biancorossi, poi però chiude Moneta (25-21) per il 2-1.

IL FINALE

Nel quarto dentro Berti e Fiorin su Pisani e Sartori ma con le formazioni schierate, un problema con il referto elettronico blocca il fischio d’inizio. A differenza del parziale precedente c’è una partenza in discesa per le bustocche, contro la compagine belga ora in evidente difficoltà (8-4). Le farfalle volano e si portano sul 16-10 trascinate da Moneta e Martinez: è break, e poco dopo l’attacco di Stufi segna il 24-15, poi le biancorosse sprecano due occasioni per chiudere la partita ma di nuovo Stufi trova il punto del definitivo 25-17.

Unendo Yamamay Busto Arsizio – VDK Gent Dames 3-1 (25-27, 25-19, 25-21, 25-17)

Busto Arsizio:
Sartori 4, Stufi 9, Signorile, Cialfi 3, Spirito (L), Fiorin 5, Witkowska (L2), Martinez 23, Diouf ne, Moneta 9, Berti 6, Negretti, Pisani 10.
Gent: Neyt L. (L), Neyt P. 15, Ghillebert (L2) ne, De Schrijver 2, De Valkeneer 14, De Boeck, Anthony 1, Flament 17, De Quick 1, Jacquemyn ne, Vandewiele 6, Horemans 7.
Arbitri: Delikostidis Sotirios, Maia Nuno
Note. UYBA: battute sbagliate 6, ace 6, muri 11. VDK: battute sbagliate 12, ace 6, muri 8. Durata set: 32’ 25’ 26’ 25’. Spettatori: 1508.

di
Pubblicato il 15 dicembre 2016
Leggi i commenti

Galleria fotografica

UYBA - VDK Gent 4 di 5

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore