“Liberi e Uguali” corre da solo

Lo hanno comunicato i vertici lombardi del partito aprendo l’assemblea regionale: "Ci chiameremo ‘Liberi e uguali in Lombardia". Il candidato al Pirellone sarà Onorio Rosati

pietro grasso liberi e uguali

Liberi e Uguali correrà con un proprio simbolo alle elezioni regionali del 4 marzo in Lombardia. “Noi ci chiameremo ‘Liberi e uguali in Lombardia’ questo è il simbolo che abbiamo scelto”, hanno comunicato i vertici lombardi del partito aprendo l’assemblea regionale che dovrà decidere la candidatura alla presidenza della Regione.

Il candidato al Pirellone sarà Onorio Rosati, consigliere regionale. Rosati, 54 anni, è stato Segretario Generale della Camera del Lavoro di Milano, nel febbraio del 2013 è stato eletto consigliere regionale ed membro della IV Commissione (Attività produttive), della V Commissione (Territorio e Infrastrutture) e della Commissione Speciale “Rapporti tra Lombardia, Confederazione Elvetica e Province Autonome”.

Libero e Uguali non sosterrà il candidato del Pd Giorgio Gori.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 12 Gennaio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pinco_pallino

    L’ennesima grottesca scelta di una frangia della sinistra alla quale basta sbandierare la propria immagine di duri e puri, senza mai entrare (forse per paura) nella realta’ e contare per poter fare e cambiare le cose. Tuue le lezioni precedenti della nostra triste storia italiana non hanno insegnato niente!

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.