Schiamazzi, animali, decoro urbano, “Gorlesi: dite la vostra”

Il sindaco di Gorla Minore, Vittorio Landoni, ha deciso di coinvolgere i cittadini nella stesura del nuovo Regolamento di Polizia urbana

controlli polizia stazioni busto arsizio

Un lavoro di squadra fra l’Amministrazione comunale e i cittadini per deliberare il nuovo Regolamento di Polizia urbana: è questo l’obiettivo del sindaco Vittorio Landoni per i prossimi mesi.

Durante una riunione con i referenti dei gruppi di Controllo del Vicinato, infatti, il Primo Cittadino ha spiegato la sua decisione di mettere mano al documento che regolamenta la convivenza civile e che non viene aggiornato a Gorla Minore dal 1988. “Si tratta di un insieme di norme relative a sicurezza, qualità della vita, ambiente, viabilità, inquinamento acustico, decoro urbano e possesso di animali, per fare qualche esempio: la giurisdizione nazionale e regionale non disciplina nel dettaglio le normative attuabili in ogni singolo comune ed è nostro dovere aggiornare le disposizioni vigenti, che risalgono a trent’anni fa e che facevano quindi riferimento ad una società con esigenze e problematiche diverse da quelle attuali. Grazie a esso la Polizia locale e i Carabinieri potranno intervenire liberamente e saranno liberi di sanzionare i trasgressori”.

Gorla Minore non è il primo comune che si ritrova nella condizione di aggiornare il regolamento di Polizia urbana dopo decenni: ad esempio anche il comune di Forlì ha avviato le discussioni in materia dopo 54 anni e quello di Modica dopo 87.

Quali saranno i punti su cui si soffermeranno i gorlesi? Schiamazzi notturni, campane delle chiese, animali domestici, comportamento in caso di copiose nevicate, attività commerciali e rispetto delle aree verdi? Da parte dell’Amministrazione comunale sembra esserci la volontà di cogliere tutti gli input dei gorlesi per deliberare un documento il più possibile in linea con le esigenze della comunità. “Abbiamo pensato di coinvolgere i cittadini perché si tratta di regole di convivenza civile, che li riguardano direttamente. Raccoglieremo ciascuna segnalazione e, dopo aver verificato che non si frapponga ad uno specifico regolamento giuridico regionale o nazionale, avvieremo la discussione. Per questa ragione sono stati convocati i referenti dei gruppi di Controllo del Vicinato: affinché facciano da portavoce e coinvolgano i loro vicini di casa. Tutta la popolazione, comunque, sarà chiamata a collaborare alla stesura del nostro nuovo regolamento”.

Un richiamo, quello verso una Cittadinanza attiva e consapevole, che sta molto a cuore al sindaco Landoni: “E’ importante che i cittadini si sentano coinvolti e siano spinti a dare il loro contributo attivo alla Cosa Pubblica: bisogna uscire di casa, cercare un confronto e impegnarsi. Per questa ragione ben vengano i gruppi di Controllo del Vicinato, che mostrano la volontà di collaborare con gli altri residenti per il bene di tutti”.

Attualmente i gruppi attivi a Gorla Minore sono 8, ma Landoni punta ad incrementarne il numero: “Abbiamo in progetto un tavolo di confronto con i numerosi (sono 22, ndr) gruppi di Olgiate Olona, coinvolgendo anche il Comandante Alfonso Castellone. Inoltre pensiamo anche di collocare un banchetto informativo ai mercatini di Natale del 16 dicembre in piazza Montale: in tanti credono ancora che l’attività di Controllo del Vicinato sia un servizio a pagamento; è invece gratuita e molto utile per la sicurezza e la creazione di rapporti solidi fra i cittadini”.

di
Pubblicato il 26 ottobre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore