Openjombetis con le mani calde: Prishtina si arrende 100-84

Varese comanda l'intera partita di ritorno degli ottavi con una gran prestazione al tiro pesante e si qualifica ai quarti di Fiba Europe Cup. Ora tocca ai belgi di Ostenda

Fiba Europe Cup: Openjobmetis - Z Mobile Prishtina

Varese scaccia i fantasmi di Avellino segnando 100 punti allo Z Mobile Prishtina e guadagnando con pieno merito l’accesso ai quarti di finale di Fiba Europe Cup, turno nel quale già settimana prossima affronterà i belgi di Ostenda, squadra “retrocessa” dalla Champions. Una vittoria netta ma non semplice, quella ai danni dei kosovari, formazione di minore talento e tasso tecnico ma abituata a mai mollare, come si è visto nelle due partite.

Galleria fotografica

Fiba Europe Cup: Openjobmetis - Z Mobile Prishtina 4 di 35

Così la Openjobmetis ha intriso di sudore le proprie canottiere, anche se Caja alla lunga ha potuto far tirare il fiato almeno a due titolari, Archie e Cain, anche per via delle buone prove di Ferrero e Iannuzzi. Non così per le guardie: l’assenza non annunciata di Tambone (botta all’alluce) ha costretto i compagni di reparto agli straordinari e tutto sommato non è stata una cattiva soluzione: Avramovic, in campo anche da play, è stato il migliore in campo ma anche Moore ha finalmente rialzato la testa con una bella prova d’attacco (17 punti) e un moto d’orgoglio in una partita non iniziata poi così bene.

Il tiro da 3 punti – ottimo 58% per i biancorossi – frutto anche di una circolazione di palla pulita e precisa è stato l’arma principale utilizzata da Varese per gonfiare il punteggio. Non è mancato qualche piccolo brivido, specie a inizio terzo quarto, quando una sfuriata degli ospiti trascinati da Berisha aveva fatto rivivere il momento-panico di tre giorni fa ad Avellino. Però questo Z Mobile non ha di certo giocatori del calibro di Caleb Green, e quando la Openjobmetis ha ripreso in mano il pallino del gioco ha restituito la spallata agli ospiti tornando ad avere un vantaggio intorno alle 15 lunghezze (avendo anche un piccolo bonus di 3 punti dalla gara di andata). E alla fine, dunque, la squadra di Caja non ha tremato, pur con ampio minutaggio al secondo quintetto, uno degli obiettivi non dichiarati della serata.

Ora testa alla Cremona di Meo Sacchetti, che arriverà in gran stato di forma su questo stesso parquet domenica pomeriggio (ore 17.10). Una partita difficilissima ma anche allenante: il viaggio in Belgio sarà altrettanto complicato ma se questa Varese vuole fare strada in Europa non dovrà avere tentennamenti. Come accaduto contro Prishtina.

CLICCATE QUI per rivivere il LIVE della partita!

COLPO D’OCCHIO

Altra serata con spalti ampiamente vuoti a Masnago per la Fiba Europe Cup, anche se a differenza di altre volte si “crea l’atmosfera” soprattutto per la presenza di un buon gruppo – rumoroso – di tifosi kosovari. Il loro tifo accende di riflesso quello dei tifosi di casa che poi, all’intervallo, applaudono a lungo Veljko Mrsic, il bomber dei Roosters tricolori presente alla partita.

PALLA A DUE

Quintetto consueto per Attilio Caja che tra l’altro non può schierare – ma lo si saprà solo a partita in corso – Matteo Tambone, alle prese con una brutta e dolorosa botta all’alluce che non dovrebbe però avere complicazioni. Avramovic è subito sulle tracce del temuto Berisha, Archie su quelle del possente Bashir.

Avramovic trasforma in oro le provocazioni avversarie

LA PARTITA

L’impronta dei primi minuti è la stessa che caratterizzerà il resto della partita: azioni rapide, ricorso piuttosto corposo al tiro pesante, tanti possessi e punteggio alto. Una corsa alla quale Varese decide di iscriversi pur non essendo esattamente nelle sue corde, ma che dà i suoi frutti: dopo lo spalla a spalla iniziale i biancorossi allungano con Scrubb subito in doppia cifra ben imitato da Avramovic (33-21).
Quando Tambone non si alza dalla panchina, si capisce che per Caja c’è qualche piccolo problema di rotazione anche perché Moore continua a non incantare. Ci si mettono anche gli arbitri, in bambola per qualche minuto (Mulaomerovic si becca tecnico e avrebbe meritato anche l’espulsione): si arrabbia il pubblico e con esso Salumu dopo qualche colpo non fischiato. Così il belga risponde a suon di canestri e tiene lontani gli ospiti insieme all’unico spunto offensivo di Archie: alla pausa lunga è 56-40.

Al ritorno tutti temono il bis di Avellino e i primi minuti vanno proprio in quella direzione, con Berisha scatenato al tiro affiancato anche da Myles. Il palazzetto tentenna per qualche momento, il tempo anche di qualche fischio a Moore su una palla persa in malo modo. Ma proprio il play poco dopo trova un bel canestro da 3 punti che ridà fiducia all’ambiente; Cain aggiunge la solita difesa e poi tocca a Ferrero (2 triple) e ad Avramovic (10 nel quarto) a riallungare in risposta ai cori di scherno dei tifosi ospiti per via della sua origine serba. Alla mezz’ora la missione è quasi portata a termine: 77-59.

IL FINALE

Come previsto, la squadra di Mulaomerovic non molla di un centimetro nonostante il divario e, anzi, in qualche occasione con Bullock e Berisha prova a ritornare a breve distanza dai biancorossi. Ma, appunto, è un istante e stavolta è proprio Moore a trovare i punti che tengono in sicurezza la situazione. Buona anche la prova di Iannuzzi sui due lati del campo mentre Scrubb, dopo aver tirato un po’ il fiato, torna l’incursore silenzioso che fa danni nelle linee avversarie. Caja prova anche a regalare uno scampolo di coppa a Verri e Gatto, ma l’andamento del match consente loro solo un cammeo sul 100-84, finale che non lascia dubbi su chi abbia meritato di vincere.

Caja, vittoria da psicologo: «Utile per ritrovare morale»

 

OPENJOBMETIS VARESE – Z MOBILE PRISHTINA 100-84
(33-21, 56-40; 77-59)

VARESE: Moore 17 (1-2, 5-8), Avramovic 18 (4-9, 3-5), Scrubb 16 (5-6, 2-3), Archie 5 (1-3, 1-1), Cain 8 (4-5); Gatto, Iannuzzi 9 (4-6), Natali 5 (1-1, 1-5), Salumu 13 (2-3, 3-4), Verri, Ferrero 9 (0-2, 3-5). Ne. Tambone. All. Caja.
PRISHTINA: Myles 20 (9-12, 0-3), Tmusic 9 (0-2, 3-7), Berisha 24 (6-12, 3-7), Bashir 11 (3-6, 1-1), Boukichou 10 (3-9, 1-1); Armstead (0-1 da 3), Azemi, Bullock 10 (3-5, 1-2), Krestinin. Ne: Bunjaku, Rugova, Ismaili. All. Mulaomerovic.
ARBITRI: Zapolski (Pol), Tomasovic (Svk), Clivaz (Svi).
NOTE. Da 2: V 22-37, P 24-46. Da 3: V 18-31, P 9-22. Tl: V 2-7, P 9-15. Rimbalzi: V 38 (8 off., Cain 9), P 30 (6 off., Bashir 7). Assist: V 25 (Avramovic 7), P 16 (Myles, Berisha 4). Perse: V 18 (Scrubb, Moore 3), P 12 (Boukichou 4). Recuperate: V 7 (Avramovic 3), P 5 (Myles 2). Usc. 5 falli: Natali. F. tecnico a Mulaomerovic. Spettatori: 1.260.

 

CLICCATE QUI per rivivere il LIVE della partita!

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 13 marzo 2019
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Fiba Europe Cup: Openjobmetis - Z Mobile Prishtina 4 di 35

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore