Ventidue alunni alla scoperta dell’identità lacustre, tra passato e presente

La classe terza B del Liceo Scientifico Vittorio Sereni sta realizzando un progetto di ricerca sull’identità lacustre: il 2 giugno un percorso espositivo per il paese

Onda Maggiore, blog studenti del Liceo Scientifico Sereni di Laveno

Leggende, ricette, storie e curiosità. Un bel mix di ingredienti per raccontare un territorio, tanto più se a farlo sono gli studenti. A Laveno Mombello, la classe terza B del Liceo Scientifico Vittorio Sereni, sta realizzando un progetto di ricerca alla scoperta dell’identità lacustre del comune che si affaccia sul Lago Maggiore.

Guidati dai tutor Erica Belli e Matteo Spertini, i ventidue alunni si sono trasformati in giovani reporter, andando alla ricerca di racconti, testimonianze e materiali. «Si tratta di un progetto di alternanza scuolalavoro – spiegano i tutor – che ha l’obiettivo di riscoprire le radici del luogo che vivono tutti i giorni. E’ un percorso della durata di cinque mesi che stimola i ragazzi su diversi fronti. Al contrario di quello che si possa pensare, le competenze messe in campo durante un lavoro di questo tipo sono moltissime: i ragazzi hanno la possibilità di imparare a fare ricerca, sviluppare competenze organizzative, scrivere degli articoli, dare spazio al pensiero creativo, oltre a rafforzare il proprio senso civico».

Gli alunni hanno individuato cinque tematiche principali da cui prendere spunto per narrare un territorio e le sue ricchezze: la storia della ceramica, la tradizione della pesca, la bellezza delle acque del Verbano e la loro influenza sulla vita dei cittadini, i tuffi da Sasso Galletto, le leggende, i canti antichi.

Un lavoro che richiede curiosità e un pizzico di pazienza: archivi storici, vecchi giornali, libri, manifesti sono tra le principali fonti di indizi per completare il “puzzle” della memoria storica. Ma non solo. Un blog, nominato “Onda Maggiore”, raccoglierà tutto il materiale realizzato dagli alunni: dagli scatti fotografici ai video girati con lo smartphone.

«Un altro aspetto interessante sarà quello dell’incontro con i cittadini – continua Belli – Organizzeremo degli appuntamenti per presentare il lavoro dei ragazzi e chiedere alle persone di aiutarci a raccogliere materiale, soprattutto fotografie del passato. Non chiederemo di regalarcele ma vorremmo farne delle copie da esporre in una mostra. Inoltre, gli alunni avranno la possibilità di conoscere altre realtà: è già in programma la visita all’Istituto per lo studio degli ecosistemi – Cnr di Pallanza per scoprire gli “abitanti” dei nostri laghi».

La conclusione del progetto è prevista per il 2 giugno. La Festa della Repubblica sarà l’occasione per mostrare alla popolazione quanto realizzato e gli studenti stanno già pensando ad un percorso espositivo in diversi luoghi del paese: «Quel giorno in Comune ci sarà anche il battesimo civico dei diciottenni e, a seguire, la presentazione del nostro lavoro. E’ bello pensare che le due iniziative siano legate».

Saranno gli studenti a fare da guida ai cittadini, accompagnandoli da Villa Frua fino al lungolago, tra piccole mostre, pannelli informativi, laboratori e altro. Gli alunni della 3B inoltre, racconteranno il loro lavoro su VareseNews, in cinque puntate con una rubrica dedicata.

Per contattare gli alunni, per aiutarli a rintracciare fotografie d’altri tempi potete scrivere alla mail: ondamaggiore@gmail.com. 

di adelia.brigo@varesenews.it
Pubblicato il 11 marzo 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore