Da mesi rischiano lo sfratto: “Mi incateno davanti al Comune”

Il 23 settembre la coppia e i figli rischiano di rimanere in mezzo alla strada tra problemi di salute e difficoltà a trovare un lavoro stabile. Il marito è pronto ad un gesto clamoroso

polizia locale

(foto di repertorio)

Il 23 settembre sarà un altro giorno di passione per G.S., sua moglie N.C. e per i loro figli. L’ufficiale giudiziario tornerà a bussare alla porta del loro appartamento Aler per eseguire lo sfratto.

Si tratta dell’ennesimo tentativo di liberare la casa dopo che quelli precedenti, per un motivo o per un altro, sono stati sospesi e rimandati. G.S. è disperato e sta pensando ad un gesto clamoroso per attirare l’attenzione delle istituzioni che – dice – lo hanno lasciato solo: «Dal 2011 non ho un lavoro stabile e non riesco a pagare regolarmente l’affitto. Per un periodo ho lavorato per il Distretto del Commercio e poi per una delle colonie del Comune ma non sono mai riuscito a trovare un lavoro stabile». Anche l’assessorato al Sociale si è occupato di loro ma non si è arrivati a capo di nulla

La moglie, che ha anche diversi problemi di salute, lavora come dipendente pubblico ma il suo stipendio è di poco superiore alla cifra mensile che dovrebbero pagare di affito e un quinto dello stipendio viene sottratto ogni mese per pagare debiti pregressi.

Ora marito e moglie chiedono di non essere lasciati in mezzo ad una strada e fanno appello al Comune perchè intervenga con un supporto.

Orlando Mastrillo
orlando.mastrillo@varesenews.it

Un cittadino bene informato vive meglio nella propria comunità. La buona informazione ha un valore. Se pensi che VareseNews faccia una buona informazione, sostienici!

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 18 Settembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.