L’apprendistato non decolla, il Pd presenta un progetto di legge “taglia burocrazia”

Il progetto di legge sarà ora incardinato in commissione attività produttive. Astuti: "Troppo alta la disoccupazione giovanile, per questo abbiamo lavorato a questo progetto"

samuele astuti

Su iniziativa del consigliere regionale del Pd Samuele Astuti è stato presentato in Consiglio regionale della Lombardia un progetto di legge che punta a sostenere e a incentivare i contratti di apprendistato. Un testo che ha raccolto il favore anche delle forze politiche di maggioranza ed è stato sottoscritto, oltre che dal Pd, Lombardi Civici Europeisti e +Europa da esponenti della Lega e di Forza Italia.

In Lombardia nel 2018 i contratti di apprendistato attivati sono stati 74.903 mentre nei primi otto mesi del 2019 sono 51.081 (fonte Regione Lombardia): un numero inferiore alle potenzialità di questo strumento, per ragioni che il Pd ha individuato soprattutto nelle difficoltà burocratiche, perché esistono modulistiche differenziate nelle diverse province lombarde, e nell’aggravio per l’azienda, che deve affiancare all’apprendista un dipendente con ruolo di tutor.

Da qui le proposte: maggiori contributi economici per le aziende e per gli apprendisti, l’attivazione di corsi di formazione gratuiti per i tutor, la predisposizione di una modulistica standard e semplificata per tutta la Lombardia e, infine, la promozione dell’apprendistato attraverso la creazione di network provinciali tra mondo del lavoro, mondo delle professioni, istituti scolastici e amministrazioni locali per facilitare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro.

Il progetto di legge sarà ora incardinato in commissione attività produttive.

“La disoccupazione giovanile in Lombardia é oltre il 20%, una percentuale troppo alta – spiega Astuti -. Per queste ragioni negli ultimi mesi abbiamo lavorato per creare le condizioni per incrementare i contratti di apprendistato. Questa forma di contratto, infatti, permette alle ragazze e ai ragazzi di coniugare la loro formazione scolastica e professionale, ampliando le prospettive di lavoro. Lo nostra idea è rendere l’apprendistato un solido canale d’accesso al mondo del lavoro per le nuove generazioni. Abbiamo elaborato una proposta di legge con una serie di misure che vanno a incidere sugli elementi che le aziende e gli operatori ci hanno indicato come ragioni che limitano l’utilizzo di questo strumento. Il nostro testo inizia il percorso verso l’approvazione con un consenso ampio: è un bel riconoscimento del lavoro fatto ma soprattutto è di buon auspicio perché venga approvato in tempi brevi.”

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 ottobre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore