L’altro San Valentino: violenze domestiche in aumento

Sono 63 i reati raccolti dalla questura, un dato purtroppo in linea con l’anno precedente, 34 i provvedimenti di ammonimento del questore per stalking e violenza domestica

Avarie

Si chiama “Questo non è amore” ed è la campagna che la polizia di stato sta da anni portando avanti per sensibilizzare il tema della violenza di genere: domani, 14 febbraio personale appartenente alla Divisione Anticrimine ed alle Volanti, unitamente ai Polizotti di Quartiere, sarà in piazza Repubblica.

Il perché si nasconde fra le pieghe dei numeri che sono stati resi noti proprio oggi sulla violenza di genere.

I dati sono relativi all’anno 2019 inerenti l’attività delle nostre squadre specializzate, impegnate quotidianamente per impedire il reiterarsi di questi reati.

La squadra mobile ha collaborato con la procura della Repubblica presso il tribunale di Varese per l’individuazione dei responsabili di delitti di maltrattamenti in famiglia, violenza sessuale ad atti persecutori, commessi nei confronti delle donne.

In totale sono stati registrati 63 eventi reato, purtroppo dato in linea con l’anno precedente.

La Divisione Anticrimine ha notificato 34 provvedimenti di Ammonimento del Questore per stalking e violenza domestica, al fine di prevenire l’escalation di condotte violente e maltrattanti che possono in seguito sfociare in atti di aggressione e violenza contro le donne.

Si segnala che nel 2018 i provvedimenti notificati sono stati 21; si registra dunque un incremento del trend.

L’Ufficio Denunce e le Squadre Volanti sono stati coinvolti attivamente con interventi su 23 casi di maltrattamenti in famiglia, 5 casi di violenza sessuale e 13 episodi di atti persecutori.

Si ribadisce l’impegno della Questura di Varese, unita al Comune di Varese con l’Assessore per le Pari Opportunità Rossella di Maggio e Adelaide Caraci dell’Ufficio Promozione iniziative Educative e Pari Opportunità, al fine di sensibilizzare il contrasto a questo grave fenomeno.

“Proprio in occasione della festa degli innamorati, saremo presente tra la gente per ricordare che l’amore non è violenza; siamo dunque coinvolti in prima linea per il contrasto di questi gravi crimini“, dicono dalla Questura.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 febbraio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    Questo paese trasuda ODIO. La politica ha assunto toni sempre più duri e una parte di essa fa leva sulla discriminazione e sul dileggio. Ogni giorno vengono trovare svastiche e scritte ingiuriose sulle porte di cittadini di origini ebraiche.
    In strada si rischia il linciaggio anche solo per un colpo di clacson dato a ragione. Nelle scuole a 12 anni si formano delle bande di perfetti baby-delinquenti già esperti nel ricatto e nei pestaggi.
    I rapporti civili basati su rispetto ed educazione si sono azzerati sotto il peso di opportunismo ed egocentrismo.
    Di conseguenza non mi stupisco di questi numeri sulle violenze domestiche. La società italiana non sarà violenta di facciata ma sotto sta covando un mare di odio latente pronto ad esplodere al minimo pretesto. Abbiamo fallito tutti, serve ricominciare da capo.

Segnala Errore