Coldiretti Varese approva il provvedimento della Regione sulle risorse idriche

Fiori: "Laghi e bacini idrici sono un serbatoio d’acqua vitale per l’intero sistema agricolo lombardo, il nuovo provvedimento semplifica le procedure per fronteggiare le emergenze

Generico 2018

Coldiretti Varese commenta positivamente la delibera regionale riguardante le soglie di approvazione per l’autorizzazione di deroghe temporanee agli obblighi di rilascio del deflusso minimo vitale.

«Di fronte alla tropicalizzazione del clima, con precipitazioni intense e concentrate che si alternano a periodi di siccità, il provvedimento di Regione Lombardia è un risultato fondamentale e quanto mai opportuno, che il mondo agricolo stava aspettando – dice Fernando Fiori, presidente della Coldiretti provinciale – I bacini del nostro comprensorio sono un serbatoio d’acqua vitale per l’intero sistema agricolo lombardo e da sempre abbiamo sostenuto la necessità di una maggior flessibilità sulla gestione del deflusso minimo vitale, soprattutto in vista dei mesi estivi quando l’acqua è indispensabile per garantire le produzioni agricole di qualità. Gli agricoltori, infatti, non possono permettersi il lusso di aspettare quando manca la risorsa idrica per irrigare le coltivazioni. Una condizione che si verifica con sempre maggior facilità a causa dei cambiamenti climatici in atto anche nella nostra regione».

Il provvedimento regionale approvato secondo Coldiretti va nella direzione di semplificare le procedure e velocizzare l’azione regionale nel reperimento delle risorse idriche per il sistema dei fiumi e canali lombardi.

Fino a oggi, infatti, ogni singola richiesta di deroga all’obbligo di rilascio doveva essere discussa in sede di “Osservatorio permanente sugli usi dell’acqua nel distretto Idrografico del Fiume Po”, subordinatamente alla dichiarazione dello stato di severità idrica almeno media. Per rendere più veloce e mirata l’azione della Regione, sollevandola dall’obbligo di passare attraverso l’Osservatorio per ogni richiesta di deroga, è stata prevista la possibilità di definire autonomamente le soglie di severità idrica per i sottobacini di interesse regionale, stabilite proprio nel documento approvato. In caso di severità idrica media o superiore in uno specifico sottobacino di interesse regionale, i titolari delle utenze di derivazione di acqua superficiale ad uso irriguo potranno presentare istanza di deroga al valore di DMV/Deflusso Ecologico.

«L’emergenza coronavirus ha dimostrato il valore strategico del cibo e, con esso, la necessità di garantire le condizioni per incrementarne la disponibilità e la capacità di autoapprovvigionamento del Paese – – conclude il presidente di Coldiretti Varese – Per questo occorre garantire la disponibilità costante di risorse idriche: acqua e cibo sono infatti un binomio indissolubile. E’ un provvedimento di semplificazione molto importante per le imprese agricole, che sottolinea in maniera chiara la valenza ambientale dell’agricoltura».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore