Piani mirati di prevenzione nei luoghi di lavoro: tre giorni di convegni di Ats Insubria

I lavori hanno acceso i riflettori su rischio di stress da lavoro correlato nel settore vigilanza privata, dispositivi di sicurezza di macchine e attrezzature e utilizzo in sicurezza di sostanze cancerogene e mutagene

ats insubria varie

Tre i convegni promossi da ATS Insubria per presentare i Piani Mirati di Prevenzione elaborati dal Servizio PSAL – Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro – per la lotta agli infortuni sui luoghi di lavoro e per prevenire le malattie professionali.

I Piani Mirati di Prevenzione sono infatti strumenti di controllo che vengono elaborati coniugando azioni di enforcement (vigilanza) con azioni di empowerment (assistenza) per il perfezionamento dei sistemi di conoscenza dei rischi e dei danni da lavoro.

La tre giorni – che ha riunito addetti ai lavori e non – ha acceso i riflettori sul rischio di stress da lavoro correlato nel settore vigilanza privata, sui dispositivi di sicurezza di macchine e attrezzature, infine sull’utilizzo in sicurezza di sostanze cancerogene e mutagene in autorizzazione REACH.

«ATS Insubria è costantemente impegnata nelle attività di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro in collaborazione con istituzioni, parti sociali, associazioni di categoria e aziende per individuare soluzioni volte a tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori» spiega Salvatore Gioia direttore generale di ATS Insubria. «Come ATS Insubria siamo coinvolti nella realizzazione dei Piani Mirati di Prevenzione che rappresentano, insieme ai controlli periodici, uno strumento fondamentale per la prevenzione e la crescita dei sistemi di sicurezza aziendali» chiosa Caterina Cecchino direttore servizio prevenzione e sicurezza ambenti di lavoro dell’Agenzia.

Durante gli incontri, infatti, sono stati presentati dati, strumenti e modalità operative di particolare interesse per la realtà territoriale, utili alle aziende per rivalutare più approfonditamente i rischi delle lavorazioni, rivedere dove necessario il sistema aziendale di gestione dei rischi e adottare soluzioni idonee a garantire ambienti, attrezzature e modalità di lavoro rispettose della salute e sicurezza dei lavoratori.

Gli eventi «Piano mirato di prevenzione: prevenzione del rischio stress lavoro correlato nel settore vigilanza privata» e «Piano mirato di prevenzione: dispositivi di sicurezza di macchine e attrezzature. Formazione specifica dei lavoratori» si sono svolti a Como e Varese il 5 e l’8 luglio in collaborazione con l’Università dell’Insubria. Ha chiuso il ciclo di incontri l’evento in collaborazione con ATS Milano, ATS Bergamo e ATS Pavia «Piano mirato di prevenzione: utilizzo in sicurezza di sostanze cancerogene e mutagene in autorizzazione REACH» in programma il 9 luglio.

 

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 10 Luglio 2024
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.