Lavoro a chi soffre, Varese fa il pieno di fondi

Dodici progetti rivolti a soggetti svantaggiati finanziati da Cres tramite la Fondazione Cariplo

Fondi europei per il lavoro, destinazione dignità. Li garantisce la Sovvenzione globale Cres.
Si tratta di 404.128 euro (4,299 milioni in Lombardia) per l’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati. Su 103 realtà no profit lombarde che beneficeranno dei fondi, ben 12 sono della nostra provincia.
Sono targati Varese, ad esempio, i tre progetti che hanno avuto il punteggio maggiore. Il primo è del centro Gulliver di Varese: i 105 mila euro ottenuti – una fetta consistente dei finanziamenti destinati alla provincia  – serviranno per coprire parte dei costi di un nuovo agriturismo in cui lavoreranno ex tossicodipendenti e persone che hanno avuto problemi psichici, a Cascina Tagliata, la splendida località di Bregazzana in cui sorge già una casa del centro di solidarietà.
 
«Un rudere e un fondo – spiega il fondatore don Michele Barban – ospiteranno una struttura che darà la possibilità agli ospiti di lavorare in un ambiente protetto, pur mantenendo un certo grado di autonomia». I lavori dovrebbero concludersi nel 2005. 
Vanno invece a Saronno i fondi destinata alla cooperativa sociale Ozanam: 75 persone impegnate i lavori elettrici, di falegnameria, informatici e di pulizia. «Svilupperemo i lavori che già svolgiamo, cambieremo alcune attrezzature per migliorare comfort e sicurezza – spiega Renato Simonelli, il responsabile dell’area sociale – e creeremo una struttura autonoma e decentrata nel comune di Fino Mornasco».
Nuove assunzioni in vista anche a Busto Arsizio dove la cooperativa sociale Solidarietà e Lavoro, grazie ai finanziamenti ottenuti, conta di assumere tre persone svantaggiate per la sede operativa di Olgiate Olona che si occupa di tranciatura e curvatura di tubi di metallo alluminio. 
I finanziamenti sono stati assegnati al 70,8% a cooperative sociali di tipo B (inserimento lavorativo), il 6,7% a cooperative sociali di tipo A (servizi socio educativi assistenziali), il 18,4% ad associazioni, il 4% a consorzi di cooperative sociali. 
Ecco le altre realtà no profit del Varesotto che hanno ricevuto finanziamenti: Centro di Solidarietà San Riccardo Pampuri, Associazione Onlus Diversimauguali, Piccola Società Cooperativa Sociale La Ginestra, Cooperativa Sociale Erre Esse a r.l., Naturcoop Cooperativa Sociale a r.l., Primavera 84 Coop Sociale a.r.l. Onlus, Cooperativa Sociale Officina a r.l., ABAD Servizi e Lavoro Cooperativa sociale. Altri due progetti riceveranno finanziamenti in relazione alle disponibilità:  Iris Servizi Cooperativa Sociale a r.l. Onlus, Acli Provinciali di Varese.

Ecco la classifica complessiva. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 aprile 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.