Difensore civico: la giunta aumenta il budget di 7mila euro

Critiche dalle opposizioni: Montalbetti (Margherita): «Un furto ai danni dei cittadini di Varese»

Nel consiglio comunale totalmente focalizzata sul carcere di Bizzozzero, è stata votata una variante al bilancio che in un altro momento avrebbe fatto discutere. È stato infatti aumentato di quasi 7mila euro il budget a disposizione del difensore civico,  l’avvocato Andrea Mascetti. Il tentativo, da parte della maggioranza, di far passare la questione senza troppi rumori è però fallito di fronte alla determinazione del consigliere Cesare Montalbetti. L’esponente della Margherita ha infatti clamorosamente abbandonato l’aula, tuonando contro la decisione del centrodestra. Montalbetti accusa in particolare Forza Italia, che nello scorso mandato aveva chiesto ed ottenuto un drastico ridimensionamento delle risorse a disposizione dell’allora difensore civico, l’avvocato Giorgio Constantini: «Allora fu votata una mozione che addirittura dimezzava i soldi per mandare avanti l’ufficio – sbotta il consigliere ulivista – mentre adesso, in un momento di crisi in cui si cerca di limitare le spese, viene deciso un aumento di circa il 30%». 
A mandare su tutte le furie Montalbetti è proprio il contrasto tra i tagli ai servizi per i cittadini e l’aumento delle spese per le strutture comunali: «Decisioni del genere rubano letteralmente i soldi ai cittadini di Varese» dichiara senza mezzi termini.

In effetti nella scorsa amministrazione Fumagalli, l’allora consigliere forzista Antonio Papale sostenne la necessità di tagliare i fondi al difensore civico, con la brillante motivazione che ricoprire quella carica era già di per sé un onore. La sua proposta fu appoggiata dalla Lega, in un contesto di generale riduzione delle spese per l’amministrazione, come confermano le parole del Consigliere del carroccio Marco Cerini: "Ricordo bene il provvedimento, perché a quel tempo ero Presidente del Consiglio comunale e mi vidi decurtare di parecchio lo stipendio… Tuttavia – continua Cerini – adesso i tempi sono cambiati ed un adeguamento è necessario. L’opposizione dovrebbe smetterla di aggrapparsi a questi aspetti marginali, interpretando il proprio ruolo nell’interesse non elettorale ma della città". Il consigliere di Forza Italia Aldo Colombo invece taglia corto: "L’attuale difensore civico sta lavorando tanto e bene, non vedo cosa ci sia di scandaloso in questo provvedimento. Inoltre questi sono fondi che servono a garantire una migliore efficienza dell’ufficio».

Un utile contributo per comprendere meglio la questione, al di là degli inevitabili risvolti politici che questa viene ad assumere, viene dalla riflessione di Costantino Lazzari, Assessore alle finanze nel periodo dei "grandi tagli": «Il problema non è quanti soldi vengono destinati al difensore civico, ma l’uso che da questi ne viene fatto. La discriminante è se nel suo operare quotidiano il Difensore privilegi l’efficienza o se invece il desiderio di visibilità prenda il sopravvento». Qualcun altro invece afferma chiaramente che certe somme sono esagerate per un difensore civico, dato che la mole di lavoro non è certo proibitiva. L’opinione del diretto interessato non è disponibile, in quanto l’attuale difensore civico Andrea Mascetti è in vacanza.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 maggio 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.