In un convegno, il punto del credito in Provincia

L'incontro, organizzato da Fidimpresa per il 7 ottobre, studia gli effetti sul credito locale dopo Basilea 2 e la riforma dei Confidi. Con i dati di Banca d'Italia

Fidimpresa, il consorzio fidi del sistema CNA, organizza un convegno dal titolo "Credito alla piccola impresa e all’artigianato: il presente ed il futuro", che si svolgerà Giovedì 7 di Ottobre presso la sede della C.N.A. in Via Bonini 1 a Varese.
Il convegno, che avrà inizio alle ore 17.00, è stato ideato per aprire un dibattito sul tema dell’accesso al credito per la piccola impresa tra gli operatori che, a diverso titolo, sono e saranno chiamati ad applicare e a gestire le novità conseguenti all’entrata in vigore di Basilea 2 e della legge di riforma dei Confidi.
L’incontro avrà inizio, dopo il saluto del Presidente di Fidimpresa, con la presentazione da parte della Banca d’Italia della situazione del credito in Provincia: a illustrarla sarà il Direttore della Sede di Varese, Giuliano Dini.

Una volta delineato lo scenario presente seguirà una tavola rotonda, coordinata da Stefania Radman – responsabile economica del quotidiano online Varesenews.it – che vedrà la partecipazione dello stesso Direttore della Banca d’Italia di Varese, Giuliano Dini, del Presidente di Fedart e di ArtigianCredit Roberto Villa e dei responsabili degli Uffici Risk Management di B.P.U., Alessandro Bragazzi e di Banca Intesa, Gaetano Meo e che cercherà di approfondire modalità e tempi di applicazione e di entrare nel merito delle possibili ricadute per artigianato e piccola impresa di due elementi nuovi di grande rilevanza quali Basilea 2 e la legge di riforma dei Confidi, con particolare riferimento al ruolo di vigilanza della Banca d’Italia.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.