Le imprese varesine non evadono le tasse

Studio dell'agenzia delle entrate: la nostra provincia è tra le 10 più virtuose

Varese è una delle province più virtuose d’Italia per quanto riguarda il versmento dell’Irap, l’imposta regionale sulle attività produttive. Il "sciur Brambilla", a conti fatti, non è un’evasore e stando alle cifre fornite dall’ufficio studi dell’Agenzia delle entrate fa il suo dovere insieme  abuona parte degli imprenditori del nord. La nostra provincia si piazza al 95esimo posto tra quelle ad alta intensità di evasione, dove la prima per evasione riscontata è Vibo Valentia e l’ultima, cioè la più virtuosa, al 103esimo posto, è Bologna.
I dati rivelano che, in media, nel periodo 1998 – 2002 a Varese è stata rilevata un’evasione pari a 17,74 centesimo epr ogni euro denunciato, e una entità denrao non denunciato pari a circa 2 milioni e 28 euro.
Tra le città più oneste spiccano Bologna, Milano, L’Aquila, Ancona, Venezia, Bergamo, Reggio Emilia, Roma e appunto Varese. La maglia nera dell’evasione, invece, va al sud: Vibo Valenzia, Crotone, Agrigento, Enna, Oristano, Nuoro, Cosenza, Lecce, Rieti, Trapani.
L’imponibile occultato, in tutta italia, è stato calcolato in 202 miliardi nel 2002 e il primato, per settori, va al terziario.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.