Pd: “Perche’ abbiamo votato contro lo statuto della patrimoniale”

Bresciani: “Non un voto contro la patrimoniale ma un disaccordo e quindi un voto negativo sullo statuto della patrimoniale”

Riceviamo e pubblichiamo 

Non un voto contro la patrimoniale ma un disaccordo e quindi un voto negativo sullo statuto della patrimoniale.

Vero che alcuni nostri emendamenti sono stati accolti, tra cui quello che ridisegna i compensi al presidente e ai componenti il consiglio di amministrazione, riducendoli e riconducendoli entro i limiti fissati dalla finanziaria 2007, che ha fissato regole più   stringenti per gli amministratori di società a totale capitale pubblico.    

Si poteva arrivare ad un voto condiviso o perlomeno di astensione da parte dell’opposizione a fronte dell’accoglimento di almeno un paio di emendamenti a nostro avviso fondamentali, che invece sono stati respinti.   

1 – abbiamo chiesto che gli atti di indirizzo annuali della patrimoniale fossero valutati dal consiglio comunale, facciamo notare che il testo unico degli enti locali e il nostro statuto prevedono che tali atti vengano approvati dal consiglio comunale.    

2 –   abbiamo chiesto che il   presidente e i componenti il consiglio di amministrazione fossero scelti dal sindaco tenendo conto esclusivamente della   competenza gestionale dedotta da una comprovata esperienza professionale, e che tali competenze fossero verificate in sede di conferenza dei capigruppo.    

Sappiamo benissimo che questa amministrazione non ha nessuna intenzione di nominare esponenti dell’area di centro sinistra nella patrimoniale, e non per il fatto che abbiamo votato contro lo statuto, questa è solo una scusa per cercare di dare una parvenza di leggittimità ad una spartizione delle cariche tutta interna al centro destra.    

Un esponente del centro destra durante la discussione ha detto che la patrimoniale non è di destra, di sinistra o di centro, ma di tutta la città.  

A certe affermazioni di principio dovrebbero poi seguire azioni coerenti nella scelta dei componenti il consiglio di amministrazione, invece stiamo assistendo a una guerra di poltrone tra partiti della maggioranza che governa la città.   

Ermanno Bresciani, consigliere comunale Partito Democratico

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.