Trasporti, Berteotti accusa: “Per i Mondiali l’area ex Hupac c’era, per i pendolari no”

Prosegue l'offensiva-trasporti del PD

Alessandro Berteotti, cosigliere comunale del Partito Democratico, torna a lanciare i suoi strali a difesa della sua bistrattata categoria: i pendolari. Per farlo punta su un bersaglio che ormai è come la Croce Rossa: l’enorme spazio ex Hupac, già deposito merci, accanto alla stazione delle Ferroviedello Stato di piazza Volontari della Libertà. Un’area reclamata da anni e anni dai pendolari disperati, costretti a giri dell’oca e circumnavigazioni epiche per trovare un parcheggio. Uno dei tanti problemi dell’area, già segnata dell’interminabile semaforo a tre tempi in fondo a viale Venezia, vera fabbrica di code, stress e smog, cui non si è ancora trovata un’alternativa più sensata. Quanto all’area ex Hupac, il Comune di Busto Arsizio più volte aveva annunciato di volersela fare mettere a disposizione al più presto, a volte con toni ultimativi, ma sempre senza risultati.

Il j’accuse di Berteotti riguarda i recenti Mondiali di ciclismo. «C’è stata la disponibilità da parte di RFI a dare l’area come parcheggio per la durata della manifestazione» punta il dito Berteotti indignato. «Non ho potuto vedere personalmente; a me però risulta che poi il posteggio sia stato usato. Da Busto sono partiti una ventina di treni speciali per Varese, da qualche parte i mezzi avrano pur dovuto metterli». Quello che offende, spiega Berteotti, non è nemmeno poi se e quanto si sia effettivamente aperto all’uso lo spazio ex-Hupac, di sicuro non fruibile (come sempre) dopo l’evento, ma una certa concezione. «Quando c’è lo show, l’evento, va bene, si può fare. Per i lavoratori che ogni giorno devono prendere il treno, invece no. Ma insomma! Qui o c’è qualcuno che se ne strafrega dei pendolari – e non dovrebbe – o c’è un’amministrazione comunale che non sa farsi valere nei confronti della controparte. Delle due l’una. O entrambe?»

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.