L’assessore: “La riorganizzazione delle scuole è per il bene della città”

Patrizia Tomassini, responsabile dei servizi scolastici, risponde alle sollecitazioni della scuola Foscolo. Il taglio di 4 elementari fa discutere

La riorganizzazione della rete scolastica territoriale è un processo complesso ed articolato che richiede una valutazione oggettiva e razionale della situazione scolastica di una città.
Varese, in special modo, ha una realtà territoriale particolare con un alto numero di scuole primarie distribuite nella città ed un rapporto alunni per classe parecchio inferiore ai parametri regionali.
È necessario avere una reale visione, guardare l’effettiva domanda e pensare all’interesse dell’intera città.
Ridurre il numero delle scuole della città permette di ottimizzare le risorse economiche ed aumentare la quantità e qualità dell’offerta formativa. Non significa solo tagliare le inefficienze per l’Amministrazione Comunale e l’Ufficio Scolastico come, polemicamente qualcuno vuole far credere.
Il processo di riorganizzazione muove i suoi passi dal convincimento che la verticalizzazione della rete scolastica sia un obiettivo didattico ed educativo da perseguire nell’esclusivo interesse della formazione degli studenti varesini.
Questo, però, non significa mettere in discussione la qualità dell’insegnamento nelle scuole interessate dalla chiusura, né il loro valore aggregante per la comunità in cui sono collocate.
Certo, comprendo benissimo che la chiusura di un plesso possa comportare un disagio organizzativo per le famiglie e come Amministrazione abbiamo dato la massima attenzione a quali soluzioni alternative poter assicurare agli alunni coinvolti.
Mi auguro, sinceramente, che la politica varesina riesca ad esprimere alte valutazioni che disegnino i veri interessi della comunità scolastica varesina e che non si strumentalizzi questo processo, così serio ed impegnativo per la nostra città.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.