Non bastano le prove di Corti e Neto

Il mediano e l'attaccante tengono vive le speranze, ma il Varese rimedia troppe insufficienze a partire da Camisa, Moreau e Cellini

Moreau 5 – Torna a casa con una nuova collezione di farfalle; se ne ha di doppie le può scambiare con Camisa. Davvero incomprensibili gli errori in occasione dei primi due gol seriani; mezzo punto in più – inutile per un’assoluzione – per il miracolo su Garlini.
 
Pisano 6 – Parte alla grande con il pallone per la rete di Neto. Poi tiene in difesa ma si vede pochissimo in fase di spinta.
 
Pesoli 6,5 – C’è sempre, ogni volta che un pallone piove in area o arriva sulla trequarti. In qualche occasione fatica a impostare ma la sua prova evita sempre guai peggiori là dietro: finora non è sbagliata una.
 
Camisa 4,5 – Se la difesa dà sempre l’impressione di essere sull’orlo della sbandata, la colpa è soprattutto sua. Costringe Pesoli a lavorare doppio e tiene i compagni in stress continuo: alla fine i nodi vengono al pettine.
 
Pugliese 6,5 – Gara onesta e senza fronzoli, anche se un po’ con il freno tirato quando c’è da galoppare in fascia.
 
Zecchin 5,5 – Non è che faccia danni e in qualche occasione ha anche l’invenzione buona (leggi la palla data a Carrozza al quarto d’ora). Però non dà mai l’impressione di avere il colpo risolutore e in campo si accentra troppo, dimenticando di poter essere decisivo quando si sgancia sulla fascia. (Mustacchio 5 – Prova a sfondare un muro a testate, quando dovrebbe usare altri arnesi)
 
Buzzegoli 5 – Gli allenatori avversari hanno imparato a conoscerlo e ora non gli fanno sconti. Ha poco tempo per ragionare e in più di un’occasione sbaglia a impostare. Si rifarà. (Frara 5,5 – Un paio di buoni spunti ma nulla che lo faccia emergere).
 
Corti 7 – Se l’Albinoleffe si chiude su Buba, l’ex lecchese è bravo a vestire i panni di regista senza dimenticare di essere una diga fondamentale in mezzo al campo. Nel gioco delle sostituzioni finisce anche sull’ala, il ruolo più dispendioso, senza batter ciglio.
 
Carrozza 5 – Partita dal voto teoricamente superiore, ma il colossale errore sottoporta (più grave rispetto a quello con l’Atalanta) del primo tempo pesa sul risultato come quelli di Moreau. Peccato, perché quando c’è da dare il via all’azione sa sempre inventarsi qualcosa. (Osuji s. v. – Non ha colpe specifiche)
 
Cellini 4,5 – Gioca la sua ultima partita per l’Albinoleffe. Tocca si e no quattro palloni in 90’ e, a differenza di altre volte, torna anche raramente a sostenere l’azione. Pomeriggio da dimenticare al più presto, altrimenti Ebagua si toglierà presto la tuta.
 
Neto Pereira 7 – Segna la seconda rete in B e fa reparto da solo, arretrando per fare la sponda (spalle alla porta non perde un pallone), allargandosi per provare il cross, insistendo per la conclusione personale.

Le pagelle dell’Albinoleffe (da Bergamonews)

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.