Anche la polizia impiegata per stanare i maturandi tecnologici

In una nota del Ministero si ricordano le sanzioni previste per gli studenti che utilizzeranno strumenti di connessione a internet durante le prove. Allertata anche la Polizia delle comunicazioni

Si affilano le armi ministeriali contro i maturandi ipertecnologici. In una nota diffusa ieri dal Ministero dell’Istruzione, si ricordano alcune linee guida fondamentali che riguardano adempimenti di carattere organizzativo e operativo come il plico telematico, i locali idonei e il "divieto utilizzo cellulari e internet". 

I Dirigenti scolastici dovranno convincere i candidati che l’utilizzo di cellulari, smartphone, notebook, tablet, nonché dispositivi a luce infrarossa o ultravioletta, comporterà pene molto severe come la esclusione da tutte le prove. Sistemi di verifica e controllo dovranno essere approntati in caso non facesse sufficiente leva la paura delle sanzioni. 
 
Presidi e commissari dovranno anche vigilate sulle apparecchiature elettronico-telematiche in dotazione alle scuole, al fine di evitare che durante lo svolgimento delle prove scritte se ne faccia un uso improprio. In quei giorni, dunque, sarà consentita l’attività telematica solo sui computer utilizzati: 1) dal dirigente scolastico o di chi ne fa le veci; 2) dal Direttore dei servizi generali ed amministrativi, ove autorizzato dal  Dirigente scolastico o da chi ne fa le veci; 3) dal referente o dai referenti di sede. Nel corso delle prove scritte sarà pertanto disattivato il collegamento alla rete Internet di tutti gli altri computer presenti all’interno delle sedi scolastiche interessati dalle prove scritte.
A garanzia ulteriore del corretto svolgimento delle prove scritte, la Struttura Informatica del Ministero vigilerà, in collaborazione con la Polizia delle Comunicazioni, per prevenire l’utilizzo irregolare della rete INTERNET da parte di qualunque soggetto e delle connessioni di telefonia fissa e mobile.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.