Termoplastic ha cambiato la storia della pentola

Nata nel 1963 l'azienda di Arsago Seprio compie 50 anni. Tre generazioni di industriali che continuano a innovare un progetto industriale esempio del made in Italy che funziona . Il gruppo è presente in Brasile, Messico e Cina

È nata nel 1963 e quest’anno compie 50 anni. La Termoplastic F.B.M. (sigla che sta per Francesco e Bruno Munari, i due fratelli che hanno fondato l’azienda )di Arsago Seprio è un’eccellenza del Made in Italy e festeggia questo anniversario nel pieno di un processo di internazionalizzazione e di sviluppo che unisce tre generazioni in un grande progetto industriale.
La più grande azienda mondiale del settore, specializzata nella produzione di manici, maniglie, pomoli e accessori per pentole, ha una lunga storia che ha come motore la passione per l’innovazione e la determinazione a cogliere le nuove sfide di un mercato sempre più selettivo e competitivo.
In tutto il mondo Termoplastic F.B.M. ha accompagnato i propri clienti nello sviluppo delle loro idee e dei loro prodotti, portando valore aggiunto e innovazione nel mercato del cookware.
Una vocazione alla ricerca avanzata che segna, fin dal 1963, un percorso segnato da importanti traguardi e da oltre 200 brevetti depositati, con la realizzazione di idee di prodotto che hanno cambiato la storia della pentola: uno tra tutti, il famoso manico estraibile salvaspazio, nato nel 1970 e tutt’ora considerato uno dei più grandi best seller del settore.
Innovazione e design sono i driver che da sempre hanno guidato l’azienda attraverso 50 anni di sfide: dai progetti sviluppati in esclusiva come “Spazio System di Bialetti” un manico salva spazio sviluppato con e per Bialetti a fine anni ’90 e “Click and Cook di Ballarini”, ai nuovi concept di prodotto progettati e industrializzati per il mercato, come la rivoluzionaria maniglia ferma coperchio per Pastaiola e il manico “BiColor”, primo manico con inserti colorati; il manico “Forte”, estraibile dotato del facile sistema di sganciamento dalla pentola, e il recentissimo sviluppo della linea “Soft”, realizzata con un rivestimento in silicone che unisce straordinarie rese cromatiche ed elevate prestazioni termico-isolanti.
Mezzo secolo vissuto al centro di un mercato in forte evoluzione, con la determinazione a diventare realmente internazionali, portando la vocazione all’eccellenza e alla creatività italiana nelle realtà produttive oltre oceano: nel 2000 con la nascita dello stabilimento produttivo della Termoplastic F.B.M. S.A. in Brasile e nel 2006 con l’inaugurazione del nuovo sito produttivo in Messico. Un’idea di impresa globale che, nel 2012, lancia il nuovo ambizioso fronte di espansione in Cina, dove è iniziato il processo di apertura del terzo stabilimento produttivo estero.
Oggi l’azienda lancia, nell’anno del proprio cinquantenario, le nuove linee che inaugurano i prossimi 50 anni dell’azienda: primo fra tutti il manico Fifty, disegnato in occasione dell’anniversario, e molti nuovi articoli tutti in anteprima  sul sito.
Fifty years forward", è il claim che, insieme al restyle del logo creato in occasione dei 50 anni di attività, comunica questo istinto evolutivo della Termoplastic F.B.M.: un simbolo forte che incarna la passione per l’innovazione e la determinazione ad “andare avanti”.
Con questo marchio e questa frase guida l’azienda oltre a partecipare alle principali fiere di Francoforte, Chicago e San Paolo, da appuntamento a tutti i partner che hanno contribuito a questo straordinario percorso di crescita e di sviluppo in un evento esclusivo il 6 luglio prossimo a Villa Caproni di Vizzola Ticino. Un evento importante che segna il punto di arrivo e di partenza per celebrare una grande azienda italiana leader nel mondo e lanciare verso il futuro le nuove energie di un’impresa che non smetterà mai di guardare avanti.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.