Torna la fiera nella sostenibilità della natura alpina

Nel corso dell'iniziativa avverrà la presentazione della proposta di inserimento di Valle Camonica e Alto Sebino a Riserva della Biosfera dell'Unesco

fiera sostenibilità alpina 2017

Per il sesto anno consecutivo il mese di giugno in Valle Camonica sarà interamente dedicato alla riflessione sul tema di Alpi e sostenibilità attraverso gli assi portanti di ambiente, società, economia. Torna la Fiera della Sostenibilità nella Natura Alpina, il contenitore di eventi e iniziative del Parco dell’Adamello – Comunità Montana di Valle Camonica con le aree protettebdi Rete Natura di Valle Camonica e la collaborazione del Distretto Culturale di Valle Camonica e Sapori di Valle Camonica.

Galleria fotografica

fiera sostenibilità alpina 2017 4 di 5

Due saranno i temi principali intorno ai quali ruoterà l’edizione 2017 della Fiera.

Il primo è legato alla proposta di candidare la Valle Camonica e l’Alto Sebino a Riserva della Biosfera dell’Unesco (Programma MaB) affinché entrino a far parte di un circuito virtuoso mondiale di aree dove la sostenibilità è diventata il perno di progetti e programmi nei settori dell’economia, dello sviluppo sociale e della tutela dell’ambiente. In particolare sarà possibile visitare la mostra fotografica itinerante Verso il Riconoscimento della Valle Camonica e Alto Sebino a Riserva della Biosfera, che verrà allestita in occasione dei principali eventi della Fiera e all’interno del Centro Commerciale Adamello e che ripercorrerà le tappe che stanno portando il nostro territorio e il suo grande ecosistema naturale a candidarsi come riserva della Biosfera MaB (Man and Biosphere) dell’Unesco. Inoltre nella serata di mercoledì 21 giugno avrà luogo il convegno di presentazione della candidatura nella quale le istituzioni coinvolte interverranno per presentare al pubblico lo stato dell’arte.

L’altro tema, ripreso anche nel titolo di questa sesta edizione – Una Valle su due ruote – si pone in perfetta coerenza con il programma del Mab ed è volto a celebrare il 200° anniversario dall’invenzione della bicicletta: il 12 giugno del 1817 a Mannheim, in Germania, l’inventore Karl Drais fece la sua prima uscita sulla “draisina”, un veicolo a due ruote che diventerà l’attuale bicicletta, il mezzo di locomozione sostenibile per eccellenza.

Moltissimi e vari saranno gli eventi collegati alle due ruote: il primo sarà il Bikenomics Forum: l’economia del turismo gira in bicicletta – in calendario già sabato 27 maggio – una giornata di formazione (e informazione) dedicata al grande potenziale del cicloturismo anche in termini di sviluppo economico e sociale di territori e comunità locali. Per l’occasione interverranno esperti del settore e importanti rappresentanti delle istituzioni e l’iniziativa sarà ritenuta valida ai fini dell’aggiornamento professionale degli iscritti all’Ordine degli Architetti e all’Albo dei Geometri e Geometri laureati con il riconoscimento di crediti formativi professionali.

Seguirà – come consuetudine nel primo fine settimana di giugno – la quarta edizione del Bike Tour dell’Oglio, l’iniziativa nata da una fortunata collaborazione tra Parco dell’Adamello (Comunità Montana di Valle Camonica) con la Comunità Montana del Sebino Bresciano, Parco Oglio Nord e Parco Oglio Sud che, con il supporto organizzativo di FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta onlus), il 2, 3 e 4 giugno accompagnerà una carovana di cicloamatori alla scoperta dei 280 km di ciclovia che, costeggiando l’Oglio, portano dal Passo del Tonale sino al fiume Po.

Particolarmente importante sarà anche l’inaugurazione del nuovo tratto di collegamento ciclabile tra Vezza d’Oglio e Capo di Ponte (10 giugno) nel corso della quale verrà scoperto il monumento dell’artista Edoardo Nonelli dedicato a Karl Drais (alla presenza di esponenti della municipalità di Mannheim, di Regione Lombardia, di Fondazione Cariplo e di amministratori locali) e si percorrerà insieme il nuovo tratto di ciclabile, che si concluderà a Capo di Ponte con un momento conviviale.

Tra gli altri eventi nei quali la bicicletta sarà protagonista segnaliamo: il Cicloraduno d’epoca (2 giugno), rievocazione storica che avrà luogo a partire dal musil di Cedegolo (dove pure è allestita la mostra #Bicimonamour con esemplari d’epoca); l’iniziativa Giovani su 2 ruote – Archeobike (10 giugno) alla scoperta della Valle Camonica Romana; la X-Bionic Cup sull’Altopiano del Sole (11 giugno), la Marathon di mountain bike più lunga di tutta le provincia di Brescia; il Camunia Gren Day – Pedalando nella Valle di Lozio (18 giugno), un raduno ciclistico aperto a tutti con cronoscalata per bici d’epoca.

E ancora il Cicloraduno dei tre passi, un’iniziativa fortemente voluta dalla Comunità Montana di Valle Camonica e dedicata alla riscoperta dei passi alpini del territorio che, oltre ad essere famose tappe del Giro d’Italia (ricordiamo che nel 2017 ricorre il 100° anniversario), sono anche suggestive declinazioni di cicloturismo e meta ambita per tutti gli appassionati di bicicletta che avranno l’opportunità di percorrerli in maniera lenta e sostenibile e in tutta tranquillità, dal momento che per l’occasione la strada verrà chiusa al traffico di veicoli e automezzi. Qualora si otterranno tutte le autorizzazioni da parte delle autorità competenti per la chiusura dei passi, gli appuntamenti avranno luogo durante tre venerdì del mese di giugno, dalle 10.00 alle 16.00, e saranno così calendarizzati: Cicloraduno al Passo del Mortirolo (16 giugno), Cicloraduno al Passo del Vivione (23 giugno), Cicloraduno al Passo del Gavia (30 giugno).

Nel corso della Fiera della Sostenibilità il Parco dell’Adamello svilupperà altri due cicli di più appuntamenti: Conoscere la natura di Valle Camonica, dedicato a convegni e presentazioni di libri sull’argomento; e l’iniziativa Un Parco senza barriere, nel corso della quale, con la collaborazione delle Guide Alpine dell’Adamello, verranno attrezzati dei percorsi di arrampicata per i disabili delle cooperative sociali del territorio. Non mancheranno nemmeno i concorsi aperti a tutti e legati al tema della sostenibilità: il Premio miglior orto alpino e il Premio prati da sfalcio, le cui premiazioni avranno luogo nel corso della rassegna territoriale Del Bene e del Bello nel mese di ottobre.

E, infine, anche per quest’anno saranno numerosissime le collaborazioni con associazioni e attori della Valle Camonica che condividono gli stessi valori di sostenibilità e rispetto per il territorio che caratterizzano la Fiera. Le iniziative proposte sono tutte consultabili sul sito ufficiale della manifestazione (www.fierasostenibilita.parcoadamello.it) e nella sezione “Eventi” della Pagina Facebook Parco Adamello, mentre la brochure si può sfogliare anche online sulla piattaforma Issuu.

Il concept che accompagnerà i materiali promozionali della Fiera della Sostenibilità è ispirato all’arte giapponese dell’origami attraverso cui l’uomo (“la mente della Biosfera”, per citare ancora una volta Edward Wilson) riesce a trasformare qualcosa di materiale come la carta in qualcosa di diverso, di superiore. Il potere, quindi, di creare le basi per un mondo migliore e sostenibile: bello, colorato e possibile, come un origami; ma anche fragile, che può essere facilmente distrutto, da rispettare. Proprio come un origami.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 maggio 2017
Leggi i commenti

Galleria fotografica

fiera sostenibilità alpina 2017 4 di 5

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.