Se deraglia un treno la Protezione civile c’è

Perfettamente riuscita la maxi esercitazione che questa mattina ha simulato l'intervento di soccorso per un grave incidente ferroviario sulla linea Saronno-Seregno

Urla strazianti, sirene di ambulanze, il rincorrersi di ordini frenetici a voce e via radio, sotto un cielo cupo illuminato dai lampeggianti blu di decine mezzi di soccorso. Sembrava realmente di essere sulla scena di un disastro ferroviario, questa mattina, al campo sportivo L’aquilone di via Petrarca, a Saronno, dove alle 10 è scattata una maxi esercitazione della Protezione civile di Saronno che ha coinvolto quasi 300 tra volontari e operatori sanitari e una ventina di associazioni di soccorso del Varesotto e del Milanese, con decine ambulanze e mezzi speciali.

Galleria fotografica

Maxi esercitazione a Saronno 4 di 19

Un’esercitazione davvero molto realistica: un treno di quattro vagoni è stato portato sul tratto della ferrovia Fnm Saronno-Seregno in disuso che corre proprio a fianco del campo sportivo. Sono stati ingaggiati attori e volontari per simulare i feriti, le persone smarrite e sotto shock e tutti hanno recitato benissimo, tanto che arrivando in prossimità della zona si veniva colpiti dalle grida di aiuto, dal pianto dei feriti e di chi urlava il nome dei congiunti coinvolti nel disastro ferroviario.

La "recita" è stata perfetta: i "feriti" trasportati su barelle, immobilizzati con gli appositi sostegni e avvolti dai teli termici, erano persino stati truccati con cerone e sangue finto; qualcuno aveva il ruolo di quello che "dà fuori di matto" di fronte alla tragedia, costringendo i soccorritori a portarlo a forza lontano dall’area dell’emergenza. Per non parlare dei volontari della Protezione civile e del soccorso, concentrati e impegnati al massimo per far fronte alla drammatica emergenza, tra l’altro incondizioni proibitive, con un acquazzone scrosciato proprio proprio all’inizio dell’esercitazione che ha lavato tutti e trasformato il teatro delle operazioni in un pantano.

Il bilancio finale del tragico "incidente" è stato di due morti e una cinquantina di feriti, di cui almeno venti in codice rosso, cioè molto gravi, tutti "valutati" e trasportati prima nella grande tenda arancione che fungeva da primo soccorso poi inviati in ambulanza agli ospedali della zona. La macchina dei soccorsi ha funzionato perfettamente: l’allarme è stato lanciato attorno alle 10 e alle 11,30 tutti i vagoni erano già stati evacuati e i feriti soccorsi. Tutta l’esercitazione è stata filmata e si è svolta sotto lo sguardo attento di osservatori che tracceranno poi, insieme ai responsabili della Protezione civile, un bilancio delle operazioni.

«Sono davvero molto soddisfatto – ha commentato il sindaco Pier Luigi Gilli – che ha assistito a parte dell’esercitazione, accolto dall‘assessore alla Protezione civile Massimiliano Fragata e all’assessore al Commercio Paolo Strano – è confortante sapere che c’è un’organizzazione così rodata e tempestiva, sperando però di non averne mai bisogno!». Alla fine grande soddisfazione collettiva, targhe di ringraziamento a tutte le associazioni che hanno partecipato e gran mangiata finale di pane e salamelle per recuperare le molte energie profuse.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 05 Maggio 2007
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Maxi esercitazione a Saronno 4 di 19

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.