Ubi banca e comune aiutano a fare la casa più ecologica

Un protocollo d'intesa ufficializz auna convenzione per i varesini, che concede prestiti agevolati a privati e imprese che puntano sul risparmio energietico

Una convenzione per far diventare le case varesine più ecologiche senza essere oppressi dalle spese nè gravati da prestiti pesanti: è questa la sostanza del protocollo di intesa firmato questa mattina, 15 maggio 2007, dal Sindaco del Comune di Varese Attilio Fontana e dall’Area Manager Retail Varese della Banca Popolare di BergamoRoberto Masola, presenti anche l’assessore all’Urbanistica Fabio Binelli e per la i responsabili delle filiali cittadine della banca.

Da oggi, privati e condomìni che vogliono adottare caldaie che risparmiano energia, impianti solari e sistemi più efficenti di isolamento termico nel comune di Varese possono godere di "Città mia" il progetto nato dall’accordo tra la Banca che fu Credito Varesino e Popolare di Luino e di Varese che comprende un prestito a  tassi – e tempi – da mutuo per somme che da mutuo non sono.  E le imprese che hanno in animo di realizzare impianti per la produzione di enegia rinnovabile o di razionalizzazione dell’uso dell’energia in fabbrica, possono godere di un "mutuo" a commissioni ridotte e tasso agevolato.

Un accordo finanziario che mette insieme due "interessi": «Il Comune di Varese – si legge nel protocollo –  ha in corso iniziative di sensibilizzazione ed informazione per coinvolgere e motivare il singolo cittadino all’adozione di tecnologie ed impianti che contribuiscano fattivamente al miglioramento dell’ambiente in cui vive, al superamento delle limitazioni indotte dai livelli di inquinamento atmosferico, al conseguimento di risparmi sui propri consumi energetici. La Banca Popolare di Bergamo è banca locale, tradizionalmente partecipe o promotrice di iniziative di interesse per la comunità civile ed economica nella quale è storicamente inserita.  In un’ottica di responsabilità sociale d’impresa, contemperando la propria attività bancaria tipica con le attese e gli interessi collettivi,  ha manifestato il proprio interesse e la propria disponibilità  a supportare un progetto orientato allo sviluppo armonico della comunità locale».

Entrando più nei particolari il presito ordinario concesso a privati e amministratori di condominio per la trasformazione di caldaie, per il solare termico e fotovoltaico e  per gli isolamenti termici, ha una durata massima di dieci anni, non ha un importo massimo erogabile e segue la media euribor  a tre mesi, più un punto percentuale. Il prestito concesso alle imprese per sostenere investimenti e programmi di sviluppo aziendale per la produzione di energia da fonti rinnovabili, a basso impatto ambnientale e oper la razionalizzazione del consumo  e del risparmio energetico ha un importo minimo di 25mila euro, una durata massima di 144 mesi per i finanziamenti chirografari (cioè senza ipoteca) e 216 mesi per quelli sottoposti ad ipoteca e lo sconto del 50% sulle commissioni.
Per maggiori informazioni, rivolgersi all’ufficio relazioni con il pubblico del comune di Varese:  
urp@comune.varese.it, 0332.255481

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 15 Maggio 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.