Centro natatorio: presentato il progetto preliminare

42 mila metri quadrati per il nuovo centro natatorio tra via Valle e via Novara

Somma Lombardo avrà una nuova piscina, ma non solo. Sarà una sorta di villaggio vacanze il nuovo centro natatorio del progetto preliminare presentato ieri sera, giovedì 15 novembre, in commissione territorio. L’intervento previsto di 20 milioni di euro, presentato con un project financing dalla PFC trentina e dal costruttore Intini Angelo, porterà nella città una nuova area di svago e sport tra via Valle e via Novara. 42 mila metri quadrati con strutture interne ed esterne, tre edifici in vetro e acciaio, un piano terra dotato di ristorante, bar, baby sitting, giochi e zona relax; un ammezzato e un primo piano con il centro benessere. Nel complesso ci saranno anche una piscina esterna con acqua termale sfruttabile anche di sera, una terrazza e un solarium. In tutto sono previste, quindi, quattro piscine, di cui una agonistica, acquascivoli con anche gommoni, quattro campi da tennis, due di calcetto, campi da pallavolo e da beach volley. La zona relax avrà, invece, uno spazio per l’idromassaggio, piccoli torrenti di correnti artificiali, geyser e lettini in acqua e per gli sportivi e gli amanti del benessere saune e centro fitness.  Come nei villaggi turistici si potrà  accedere alle varie aree senza portafoglio, con un braccialetto caricato all’ingresso.

 

Spiega l’assessore ai lavori pubblici Daniele Consonni: «Questo è il progetto che ci ha più convinti tra quelli presentati. E’ il migliore e di pubblica utilità. Abbiamo pensato ad un centro che sia dedicato sia allo sport acquatico agonistico sia all’aspetto ludico e al tempo libero». E per rispondere alle critiche mosse da Ermanno Bresciani dei Ds, Consonni sottolinea: «Non è un acqua fun. Abbiamo voluto quattro campi da tennis per incentivare questo sport che si deve rilanciare».  Sono previsti anche 320 posti auto in trincea e non mancano idee per installare dei pannelli fotovoltaici con cui fornire di energia il centro termale.

 

 Il progetto arriverà in consiglio comunale a fine mese.  Poi chiunque abbia i requisiti richiesti potrà partecipare alla gara. L’area costruita in buona parte con i soldi dei privati sarà data in gestione a loro. Il comune di Somma metterà il costo dell’acquisto dei terreni (300 mila euro), il costo per la costruzione di strade, acqua e fognature necessari e 800 mila euro. Secondo gli auspici dell’assessore ai lavori pubblici: «Se tutto va bene a giugno ci potrebbe essere la posa della prima pietra, poi ci vorranno due anni per realizzare l’opera». Che fine farebbe allora la piscina comunale? Spiega Consonni: «La vecchia piscina è tenuta bene ma è troppo piccola. Vedremo se i privati che ora la gestiscono saranno disposti a prendere l’onere definitivo o se riconvertirla in palestra». Nel frattempo il comune sta finendo di acquistare i terreni necessari per il centro natatorio. Mancano all’appello, infatti, alcuni proprietari che non sono stati ancora rintracciati.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 16 Novembre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.